Tonali, dopo il grande inizio di stagione ecco anche il nuovo agente

Un nuovo inizio, dopo le difficoltà dell’anno scorso: la stagione del riscatto sembra essere definitivamente iniziata per Sandro Tonali. L’estate è stata senza dubbio molto positiva, sotto tutti i punti di vista: il Milan ne ha ufficializzato l’acquisto a titolo definitivo, dopo una lunga telenovela che sembrava uteriormente averne minato le certezze, in seguito a dodici mesi con qualche problema e difficoltà di troppo. Il Covid, il passaggio non semplice da una piazza come Brescia, nella quale era il leader indiscusso sia tecnico che comportamentale, a una metropoli come Milano, qualche prestazione non all’altezza e una maturità da raggiungere il prima possibile, per sfondare in una delle big del calcio italiano.

LA SCELTA DI ABBASSARSI LO STIPENDIO E IL ‘MARTELLARE’ – Tonali non si è demoralizzato e non ha perso tempo. Il centrocampista classe 2000, in rossonero dall’estate 2020, ha firmato il proprio contratto fino al 30 giugno 2026, dopo una decisione di vita importante e assolutamente non convenzionale, di questi tempi: la scelta di abbassarsi l’ingaggio pur di restare al Milan, il club per cui ha sempre fatto il tifo, dopo una prima stagione non semplice, anche per via degli infortuni. La voglia di allenarsi, di “martellare”, un verbo spesso utilizzato dal lodigiano, per indicare la via: sia in mezzo al campo, ispirandosi al proprio idolo Gattuso, che fuori, senza perdersi d’animo e continuando a lottare per raggiungere gli obiettivi.

IL PRIMO GOL COL MILAN, CAPITANO CON L’UNDER – I risultati sono presto arrivati. Due prestazioni tra i migliori in campo con la maglia del Diavolo, con Sampdoria e Cagliari, contro il quale è arrivato il suo primo gol in rossonero: su calcio di punizione alla David Beckham, come su calcio piazzato era arrivata anche la prima rete in Serie A, con la maglia del Brescia. Altre due gare da capitano con l’Under 21: il nuovo condottiero degli Azzurrini, fascia al braccio, ha fornito due assist contro il Lussemburgo e si è distinto anche contro il Montenegro. Quattro partite, dodici punti, tanta legna ma anche parecchia classe e personaità da vendere: questo Tonali sembra proprio un atro giocatore.

IL PASSAGGIO DA BOZZO A RISO – Tra sorrisi e Riso, con il cambio di procuratore in procinto di essere formalizzato: Tonali  è infatti passato da Giuseppe Bozzo alla GR Sports di Giuseppe Riso, scuderia dell’agente che assiste tra gli altri anche i milanisti Pietro Pellegri, Daniel Maldini, Lorenzo Colombo e l’ex Mattia Caldara. Una scelta di ulteriore rivoluzione rispetto al passato, dopo la partenza col botto: l’obiettivo ora è confermarsi a partire dal match con la Lazio, nel quale partirà ancora dal 1′. Il difficile deve ancora venire.

@AleDigio89

Precedente Venezia, Zanetti: "Abbiamo difeso il risultato con i denti" Successivo Tchouameni ideale per la Juve: a "suggerirlo" è Pogba, suo compagno in Nazionale

Lascia un commento