Thys, l’Abramo Lincoln di Anversa: genesi e gloria del grande Belgio degli anni 80

Bearzot, il quadrato magico, il run-and-gun, le equazioni di Lobanovskij, un portiere con le mani di Pippo, un’ala attaccata alla mamma, un bomber immobile e implacabile, l’erede di Platini…. mixare tutto, ed ecco una squadra da amore istantaneo

Il Belgio degli Anni 80 è una squadra-Bignami che riassume molte delle migliori idee di calcio fiorite in quell’epoca sospesa tra tradizione e innovazione. Quel decennio si è aperto nel ricordo delle ultime bollicine del Calcio Totale dell’Olanda e si chiuderà con la rivoluzione copernicana di Sacchi. Sono anni che premiano il calcio dell’Italia di Bearzot e che palpitano per il gioco scoppiettante del “Carré magique”, il “Quadrato magico” della Francia di Hidalgo.

Precedente SERIE A, SALTA LO "SPEZZATINO" DI PARTITE/ La Lega: campionato ai vecchi orari Successivo La Spagna dall'attacco atomico si affida a Morata, Svizzera cerca l'impresa senza Xhaka

Lascia un commento