Thiago Motta e il Milan: “All’andata ho avuto la sensazione che…”

Il Bologna è in un periodo di leggera flessione e nel prossimo turno se la vedrà contro il Milan a San Siro. Un match difficile, con i rossoblù che non conquistano la vittoria da quattro giornate, mentre i rossoneri vengono da due vittorie di fila. Thiago Motta ha presentato la sfida in conferenza stampa.

Milan-Bologna, la conferenza di Thiago Motta

L’allenatore del Bologna ha fatto chiarezza sugli indisponibili e i rientri:Karlsson viene da un periodo di infortunio più lungo e sta anche a noi aiutarlo a ritrovare la migliore forma. Se è disponibile? Sì, certo“. Sull’assenza di Posch: “La sua mancanza non inciderà nelle mie scelte. De Silvestri, così come Corazza, sta bene. La loro fascia sinistra è molto forte, noi cercheremo di limitarli”. A proposito del difensore austriaco, Motta lo ha preso come riferimento per dare un esempio ai giovani: “Pur sapendo di non poter giocare la prossima partita, ha comunque lavorato in settimana come se si stesse preparando per la finale di Champions League. Questo è l’esempio che chiunque arriva deve cogliere, ed è ciò che non deve mancare”.

Sul mercato: “Non è una mia responsabilità. Ilic è arrivato e si sta allenando con noi, abbiamo fatto dei test fisici alla squadra e abbiamo visto che è leggermente più indietro rispetto agli altri, ma ha sicuramente grandi prospettive”. Sui prossimi avversari: “Tra tutte quelle giocate, la partita con il Milan della prima giornata è una delle poche in cui non ho avuto la sensazione di poter vincere. E’ una delle candidate allo scudetto, parte sempre molto forte. Noi sabato dovremo provare a imporre il nostro gioco, cercando di essere determinati”. L’allenatore si è espresso anche sugli insulti razzisti rivolti a Maignan: “Non l’ho sentito, ma ho visto tutto ciò che è successo. Credo che in quel momento lui abba fatto la cosa giusta e spero che per il bene della nostra società riusciremo a progredire in fretta su questo argomento. Spero che chi lo ha aggredito malamente paghi le sue scelte amaramente. Da parte mia c’è tantissima stima nei suoi confronti”.

La Juve ci mette la testa: la classifica dei gol aerei della Serie A

Guarda la gallery

La Juve ci mette la testa: la classifica dei gol aerei della Serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Le partite di oggi: il programma di venerdì 26 gennaio Successivo Difende, attacca, passa: Pavard vale per tre