Theo Hernandez: è il miglior terzino sinistro del mondo? Parla FIFA

FIFA premia Theo Hernandez ma la concorrenza per la corona di miglior terzino sinistro è ancora parecchia e spietata. Ecco dove si piazza nella classifica.

Theo Hernandez sta vivendo un momento d’oro da quando si è unito al Milan nel 2019, che gli ha consentito di guadagnarsi un posto in Nazionale e piazzarsi in pianta stabile tra i migliori terzini sinistri del mondo. Le sue prestazioni sempre più costanti e devastanti hanno portato in tanti a valutarlo come il miglior terzino sinistro del pianeta, un ruolo in cui a lungo si è faticato a trovare un ricambio ai mostri sacri degli anni ’90 e 2000. Può essere davvero il francese il più forte in quel ruolo? Lo abbiamo chiesto al database di FIFA, la serie EA Sports che traccia continuamente i valori e le performance dei calciatori, e questo è il suo responso.

I migliori terzini sinistri in FIFA 22 —

Ai nastri di partenza lo scorso ottobre, quando sono stati svelati i migliori giocatori per ruolo, Theo Hernandez partiva – a pari merito con una flotta di giocatori, va detto – sul gradino più basso del podio tra i migliori terzini sinistri in FIFA 22. A spuntarla, per il gioco che batte molto sulla Premier League, è Andrew Robertson del Liverpool, seguito a ruota da Jordi Alba.

Questa la top 15 di inizio stagione:

  1. Andrew Robertson (Liverpool) – 87
  2. Jordi Alba (Barcellona) – 86 (-1)
  3. Luke Shaw (Manchester United) – 84 (-2)
  4. Marcos Acuna (Siviglia) – 84
  5. Theo Hernandez (Milan) – 84
  6. Lucas Digne (Everton) – 84  (-1)
  7. Raphael Guerreiro (BVB) – 84
  8. Ferland Mendy (Real Madrid) – 83
  9. Angelino (RB Leipzig) – 83 
  10. Alex Sandro (Piemonte Calcio) – 83 (-1)
  11. Leonardo Spinazzola (Roma) – 83
  12. Gaya (Valencia) – 83
  13. Lucas Hernandez (Bayern Monaco) – 83
  14. Alex Telles (Manchester United) – 82 (-1)
  15. Alphonso Davies (Bayern Monaco) – 82 (+1)

La situazione attuale è lievemente diversa ma la classifica non ha subito scossoni: complice l’età e la condizione del Barcellona, Alba ha perso un punto ma rimane secondo, Shaw è sceso ai piedi della classifica con un -2, e pure Digne scende a 83. Questo vuol dire che la terza posizione resta proprietà soltanto di Theo Hernandez, Marcos Acuna e Raphael Guerreiro. 

Le gerarchie —

Anche su FIFA Ultimate Team, o FUT, dove vengono pubblicate carte speciali di tanto in tanto e le fluttuazioni stagionali non cambiano al ribasso i valori (come invece capita nelle altre modalità), le gerarchie non sono cambiate. Robertson ha già ottenuto una valutazione di 90 in occasione delle Road to the Knockouts (le carte dei gironi della Champions League), mentre Theo Hernandez è stato incluso nella Squadra della Settimana, dove ha ottenuto l’iconica carta nera In Forma passando a 86. Acuna è stato invece negli Headliners con un overall da 88 (oltre ad una IF da 86), che lo ha reso il terzino sinistro più vicino allo scozzese del Liverpool nel gioco. Per il futuro è evidente come il grosso della competizione arriverà da Alphonso Davies, con il canadese che, pur partendo dal basso, ha già raggiunto 86 su FUT con la carta Rulebreakers e una IF.

Theo Hernandez oggi —

Allo stato attuale, sono le doti esplosive a rendere Theo Hernandez un pezzo unico nel mondo del calcio reale e virtuale. Su FIFA 22, può vantare una velocità di punta da 94, un’accelerazione da 92 e una resistenza da 90, parametri che lo rendono una macchina da guerra sulla fascia sinistra. Come capita spesso per finalità di bilanciamento del gioco, sono le doti tecniche a penalizzarlo un po’, anche se reattività 84, cross 84, palleggio 83 e potenza tiro 80 non lo rendono di certo un inetto nella metà campo offensiva. E tutto questo ad appena 23 anni: proseguendo sulla strada tracciata al Milan, i margini di miglioramento sembrano davvero illimitati.

10 Gennaio 2022 (modifica il 10 Gennaio 2022 | 09:11)

Precedente Inter, le prime mosse di Zhang tra dirigenza e mercato Successivo Bassetti: "Stadi? Un'assurdità la capienza limitata a 5000 tifosi"

Lascia un commento