Theo Hernandez al 90′ manda la Francia in finale! A Torino sarà Italia-Belgio per il 3° posto

Semifinale meravigliosa a Torino. Belgi avanti 2-0 coi gol di Carrasco e Lukaku, poi Mbappé e Benzema la riaprono in tre minuti prima del finale spettacolo chiuso dal gol del milanista. De Bruyne e compagni sfideranno gli azzurri nella finalina di domenica

Un siluro dal limite al 90’ del milanista Theo Hernandez completa last minute la rimonta dallo 0-2 della Francia, che all’Allianz Stadium batte 3-2 il Belgio e raggiunge la Spagna nella finale di Nations League di domenica sera a San Siro. Lukaku e compagni invece nel pomeriggio incroceranno gli azzurri nella finalina del pomeriggio a Torino. È l’epilogo di un’ultima mezzora da batticuore tra due squadre stellari, culminata con il 3-2 belga annullato a Lukaku all’87’ per un fuorigioco di pochi centimetri e un incrocio dei pali preso su punizione da Pogba pochi secondi prima del golden gol di Hernandez che manda tutti a casa.

Dominio Belgio

—  

A parte un’occasione di Mbappé, l’approccio della Francia in continuità con l’Europeo deludente lascia campo al Belgio. Koundé in difesa fa e disfa: si incarta al 4’ offrendo una palla a botta sicura a De Bruyne su cui serve un prodigio di Lloris, poi alla mezzora il salvataggio miracoloso su Hazard lo firma lui. L’uno-due belga arriva in tre minuti prima del riposo: al 37’ Ferreira Carrasco sulla sinistra in uno contro uno con Pavard rientra sul destro prima del raddoppio di Koundé e buca Lloris, poi 200 secondi dopo il raddoppio di Lukaku arriva su filtrante di De Bruyne, con veronica attorno a Lucas Hernandez per andargli via in profondità e gran botta rapace sul primo palo per il 2-0.

Uno-due transalpino

—  

A rimettere in partita la Francia, tornata dagli spogliatoi con un’altra furia, non sono gli errori quanto l’atteggiamento del Belgio: si schiaccia per ripartire, in realtà troppo basso lascia isolati i tre davanti e non sale più. Al 58’ le prove generali: assolo a destra di Mbappé per il taglio in area di Griezmann che se la ritrova sui piedi senza neanche sapere come e manda fuori. Ci siamo: al 62’ la riapre Benzema, che solo contro il muro belga, circondato da quattro, spalle alla porta a centro area si gira rapidissimo e infila nell’angolino destro. Il resto cinque minuti dopo lo fa Tielemans con un pestone scomposto in area a Griezmann: Courtois intuisce ma la botta di Mbappé dal dischetto è troppo forte.

Finale da urlo

—  

Finisce in corrida, con lo spettacolo esaltato dalle prodezze degli estremi difensori: Lloris per alzare sulla traversa una mina di De Bruyne, Courtois in caduta a salvare su Tchouameni. All’86’ Mbappé sbaglia da solo dopo uno scambio con Benzema quando sembra arrivare la doccia fredda, il gol in contropiede di Lukaku che a tre minuti dalla fine raccoglie sotto porta il grande invito dalla sinistra di Ferreira Carrasco ma è di un filo in fuorigioco e dopo il controllo al Var svanisce per incantesimo, annullato. E’ solo l’inizio dei fuochi d’artificio, sublimati dall’incrocio dei pali preso al 90’ da Pogba su punizione dai 30 metri, antipasto di quello che succede pochi secondi dopo: Theo Hernandez raccoglie dal limite un cross arrivato dalla destra da Pavard, si sistema il pallone e fa partire il missile del 3-2. Finale Francia, il Belgio deve piangere se stesso, ma che spettacolo.

Precedente Verso Qatar 2022, Argentina favorita in Paraguay Successivo Decreto capienze, stadi subito al 75% e si va verso il 100. Per i palazzetti si sale al 60%

Lascia un commento