Tevez vince il derby di Rosario: “Squadra motivata. Il club viene prima di tutto”

Tevez sfrenato nell’esultanza in campo al fischio finale, poi più lucido e misurato in conferenza stampa…

Il fischio finale che ha fatto esplodere lo stadio Gigante de Arroyito ha provocato la reazione insolita di Carlos Tevez: l’allenatore della squadra vincitrice del derby tra Rosario Central e Newell’s (1-0, gol di Alejo Véliz a favore del Central) si è fuso in un abbraccio infinito con il suo staff tecnico, mentre i tifosi esultavano sugli spalti e i giocatori alzavano il pugno per la vittoria davanti al popolo in estasi.

L’esultanza sfrenata dell’allenatore è continuata quando si è ritrovato faccia a faccia con i suoi giocatori: ha afferrato la faccia di Walter Montoya, che ha dovuto essere sostituito a causa di una distorsione alla caviglia, e si è congratulato uno ad uno con i giocatori negli spogliatoi. Tuttavia, e in linea con le sue dichiarazioni prima del derby, il nativo di Fuerte Apache ha abbassato il tono dei festeggiamenti in conferenza stampa: “Ero fiducioso perché abbiamo lavorato bene, ma dobbiamo continuare. Questo è stato un colpo netto, ma non possiamo rimanere ancorati solo a questi tre punti. Siamo sulla strada giusta, perché ogni volta capiamo meglio come dobbiamo giocare. Siamo una squadra molto pragmatica, stiamo mettendo insieme una solida base per lottare per cose importanti. È già palpabile che c’è un altro volto e loro hanno un altro fisico. Credo di non aver sbagliato: le persone, la passione… con tutto questo il premio è ancora più grande. Provo una enorme soddisfazione. La città è paralizzata. Dal primo giorno ho detto che lo stemma del club è la prima cosa, non il mio nome. La società è la cosa più importante e l’obiettivo è portarla al vertice”.

Precedente Che rivoluzione: dieci squadre di serie A su venti cambiano i capitani Successivo CALCIOMERCATO MONZA NEWS/ Petagna e Mazzocchi più vicini, in stallo Candreva e Villar

Lascia un commento