Terremoto in Spagna: arresti per la Supercoppa in Arabia Saudita. C'è anche Rubiales!

C’è un vero e proprio terremoto in atto nel calcio spagnolo. Come riportato da As, sono in corso delle perquisizioni negli uffici della federcalcio a Las Rozas e in ben undici abitazioni. Le indagini verterebbero sul reato di riciclaggio e corruzione per un motivo ben preciso. 

Spagna, i motivi delle indagini

Al centro del provvedimento ci sono i controlli effettuati dagli inquirenti sul contratto sottoscritto nel 2019 dalla Rfef per portare la Supercoppa Spagnola in Arabia Saudita per sei anni, dal valore complessivo di 240 milioni di euro. A disporre le perquisizioni il tribunale di Majadahonda, che ipotizza i reati di riciclaggio e corruzione. In tal senso, sarebbero previsti anche sette arresti e l’iscrizione nel registro degli indagati di altre 5 persone. Il contratto fra la RFEF e l’Arabia Saudita fu firmato dall’allora presidente federale Luis Rubiales, poi dimessosi per il caso Hermoso, con l’intermediazione della Kosmos di Gerard Piqué. Stando a “La Sexta”, fra le abitazioni oggetto di perquisizione ci sarebbe anche quella dello stesso Rubiales. 

Rubiales, ordine d’arresto

La Procura ha ordinato l’arresto di Rubiales. L’ex presidente federale si trova nella Repubblica Dominicana, ma Marca afferma che si è messo a disposizione delle autorità locali e sarebbe pronto a tornare in Spagna. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lite col presidente, non ha mantenuto la promessa Successivo Palermo, Segre: "Crediamo alla Serie A. Gli uomini forti si vedono in questi momenti"

Lascia un commento