Tebas contro la Superlega: “Una stupidaggine che ci avrebbe distrutti”

Tra i tanti interventi del Social Football Summit all’Olimpico di Roma, c’è stato anche quello di Javier Tebas, il presidente della Liga spagnola. “I club più importanti sono stati i più colpiti dalle partite a porte chiuse – ha dichiarato – Il nostro sistema stabilisce dei limiti salariali per i club, limiti importanti ai salari dei calciatori ci ha aiutato a contenere i danni economici. Sicuramente ci sono stati degli impatti negativi legati alla pandemia. A prescindere da quello che sostiene il Barcellona, noi continuiamo ad andare bene. Non abbiamo problemi di insolvenza e non abbiamo chiesto aiuti statali“. 

Superlega, “bot” e “troll” sui social per promuovere il progetto

Tebas contro la Superlega

Sulla Superlega lo spagnolo, collegato in streaming, ha aggiunto: “È una stupidaggine. Avrebbe alimentato problematiche del calcio europeo, non avrebbe risolto nulla. Abbiamo più di 1500 club in Europa, non contano solo quei 20 che non avevano incluso tutti gli altri. La Superlega avrebbe aggravato le conseguenze economiche, diminuendo gli introiti delle competizioni nazionali. I valori dei diritti tv di Spagna e Italia ad esempio sarebbero diminuiti. Solamente in Spagna avremmo perso un miliardo e 900 milioni di euro a causa della Superlega. Il tema è regolare il fair play finanziario in modo più diligente”.

I problemi di Juve, Milan e Inter

I problemi sono di carattere economico: i problemi economici di Juve, Milan e Inter sono una conseguenza dei format e delle gare oppure è la conseguenza di un fair play finanziario inadeguato? Evidentemente il problema non sono i campionati. Le cause della crisi non sono sportive. L’unica soluzione possibile è agire sul fair play finanziario: nessuno deve spendere più dei ricavi. E non è giusto che un fondo sovrano, come quello del Qatar, può agire in modo illimitato immettendo continuamente denaro. Questo crea un’inflazione del mercato e permette a club indebitati di competere con gli altri nonostante perdite importanti. Quello che fanno Psg e City è doping economico. Se continuiamo a ragionare in questo modo continuiamo a incrementare i problemi“.

Tebas: “La Serie A può avvicinarsi alla Premier”

La Serie A deve essere consapevole che è la competizione europea con più margini di crescita e che è quella che di più può avvicinarsi alla Premier League. Per far sì che la Serie A cresca deve adottare misure importanti nella governance. Ci sono molte persone che vogliono investire nel calcio italiano, ma non può pensare di arrivare al traguardo senza cambiare. Mi auguro che la Serie A si trasformi in uno dei più grandi competitor della Liga“.

Precedente Italiani all'estero - Giovinco "ruba" il posto a Insigne. E che esordio per Moriero con le Maldive! Successivo Morata: "Gol con la Spagna dà fiducia, ora testa alla Juve"

Lascia un commento