Tanzania record: col Madagascar rigore dopo soli 5”

Pur non esistendo classifiche ufficiali, si dovrebbe trattare del penalty più veloce mai fischiato, battendo i 6” di quello dato al Witton Albion contro il Chester in una sfida di FA Cup del 2016. Su azione invece il primato è del rossonero Leao, in rete col Sassuolo dopo 6”76

Il rigore più rapido della storia. Anche se non esistono classifiche ufficiali, il primato da ieri dovrebbe spettare alla Tanzania, che nella sfida di qualificazioni mondiali contro il Madagascar si è vista fischiare un penalty a favore dopo soli 5 secondi. Battuto il calcio d’inizio, un lungo lancio perveniva sui piedi di Simo Mvusa, che, dopo l’intervento a vuoto del difensore ospite, veniva abbattuto dal portiere malgascio Melvin Adrien, che milita nel Fc Martigues, quarta serie francese. L’arbitro, l’ugandese Mashood Ssali, indicava con decisione ineccepibile il dischetto, da dove Erasto Nyoni dava poco dopo il vantaggio alle Taifa Stars. Il match si è poi concluso con il successo 3-2 dei padroni di casa, con raddoppio al 26’ di Novatus Dismas Miroshi, prima che Njiva Rakotomarimalala e Thomas Fontaine firmassero la rimonta del Madagascar al riposo. In avvio di ripresa il gol decisivo di Feisal Salum Abdallah. La Tanzania è ora in vetta al gruppo J con 4 punti, davanti al Benin per differenza reti.

precedenti

—  

Andando a spulciare tra i precedenti, ci si imbatte nel rigore concesso dopo 6 secondi al Witton Albion contro il Chester in una sfida di FA Cup del 2016 per fallo di Blaine Hudson su Tolani Omotola. A seguire troviamo alla pari due “massime punizioni”, come si diceva una volta, date dopo 8 secondi. La prima nel novembre 2014 agli olandesi del Heerenveen nel 2-2 con il Cambuur (fallo di Leonard Nienhuis su Mark Uth, rigore da lui stesso realizzato), l’altra nel febbraio 2015 all’Amburgo, per fallo di Patrick Ziegler del Paderborn su Marcell Jansen, trasformato da Rafael van der Vaart (il match finì 3-0). A nove secondi troviamo quello di Fernando Boldrin nel derby di Bucarest tra Steaua e Dinamo del novembre 2016 (concesso dopo che il portiere della Dinamo, Jaime Penedo, si scontrò con William De Amorim), che però non bastò all’ex squadra di Hagi, poi sconfitta 3-1. Tornando a livello di nazionali, bastarono dieci secondi al Montenegro per vedersi fischiare a favore un rigore nell’amichevole del marzo 2014 contro il Ghana, con David Addy che stese Filip Kasalica. Dejan Damjanovic realizzò quello che fu poi l’unico gol del match. A 11” poi si piazza Macclesfield-Wrexham del novembre 2013, con fallo del portiere ospite, Andy Coughlin, su Connor Jennings, che trasformò poi il rigore del vantaggio. La partita si chiuse sul 3-2 per i Silkmen, la squadra di casa.

Infine, a quota 13”, quello per il Valladolid nella gara col Celta del marzo 2001 (fallo di Fernando Caceres su Alberto Lopez, gol di Fernando Fernandez, con rimonta del Celta per il 2-1 finale) e quello a favore dei Columbus Crew in Mls contro i Chicago Fire nel luglio 2015, realizzato da Federico Higuain (fratello di Gonzalo) dopo che Ethan Finley era stato fermato fallosamente in area da Sean Jones (3-1 il finale per Columbus). Ci sarebbe anche un altro penalty sotto i 10”, quello in Ängelholm-Aik Solna, campionato svedese, del luglio 2010, ma manca un riscontro cronometrico affidabile.

leao

—  

Se escludiamo i rigori, il primato – perlomeno in Europa – per il gol più veloce, è fresco fresco. E’ stato infatti stabilito nell’ultimo campionato di Serie A da Rafa Leao in Sassuolo-Milan del 20 dicembre 2020. Gran partenza di Calhanoglu dal calcio d’inizio, il portoghese s’infila tra Marlon e Toljan e batte Consigli dopo 6 secondi e 76 centesimi. Il precedente era del 2 dicembre 2001, quando Dario Hubner in Fiorentina-Piacenza rubò palla su un pigro calcio d’inizio viola e servì in velocità Paolo Poggi che trafisse Manninger dopo poco meno di 8’’. Leao fece meglio di Shane Long, primatista in Premier, che nel 2019 firmò un gol dopo 7 secondi con la maglia del Southampton contro il Watford. In Spagna, il gol più veloce della storia della Liga porta la firma di Joseba Llorente per il Real Valladolid dopo 7,22 secondi nel 2007-2008 contro l’Espanyol. In Ligue 1 è molto più longevo e risale al 1992, quando Michel Rio segnò per il Caen contro il Cannes dopo 8 secondi. In Bundesliga il record è di Kevin Volland con l’Hoffenheim, in rete contro il Bayern Monaco dopo poco meno di 9 secondi.

Precedente Viavai di calciomercato: si riaccende il Milan. Juve, centrocampo zona oscura Successivo Napoli-Juve, storia infinita e sempre polemica. Osimhen l'ultima tappa...

Lascia un commento