Tamponi Lazio, il primario del Moscati: “Tutti avranno ragione. Niente linee guida”

ROMA – Servirà ancora attendere sulle controanalisi dei tamponi della Lazio ordinate dalla Procura della Repubblica e svolte all’Ospedale Moscati di Avellino. Ma intanto, ai microfoni dell’Ansa, il presidente della Società campana di malattie infettive e primario della struttura sanitaria irpina, Nicola Acone, ha detto la sua in merito ai test ‘ballerini’: Alla fine avranno ragione tutti. In mancanza di linee guida certe e consolidate – aggiunge l’infettivologo – non mi pare si possa prevedere un pronunciamento diverso da questo”.

Il parere

Il perché dei tamponi incerti? Cambiano le metodologie utilizzate: variano a seconda dei kit che le aziende forniscono ai laboratori ma, come osserva il professor Acone, “non tutte le metodiche sono uguali e non tutte hanno lo stesso grado di attendibilità”. Che poi continua: “Visti i troppi casi di esiti contraddittori, dovremmo forse preoccuparci dell’accuratezza con cui vengono effettuati i prelievi naso-faringei (il tampone molecolare, ndr). È un prelievo non solo fastidioso ma che provoca anche dolore: se non ci sono queste reazioni da parte di chi si sottopone al prelievo, è altamente probabile che il tampone che verrà processato risulti inattendibile”.

Lazio, ecco il centro dei tamponi di Avellino

Precedente Roma, il Covid rallenta Zaniolo: serve Fink per la seconda fase del recupero Successivo Atalanta, a parte De Roon e Palomino

Lascia un commento