Tacopina: “Fabregas? La Spal non guarda al marketing. Sarà una bella Serie B”

Il presidente della Spal ha parlato ai microfoni di Itasportpress

La Serie B ripartirà con ben due campioni del mondo. A Parma infatti c’è Gigi Buffon, iridato in Germania nel 2006 con Marcello Lippi in panchina, e a Como c’è Cesc Fabregas che con la Spagna ha vinto il Mondiale nel 2010. Difficilmente ne arriverà un terzo in questa stagione 2022/23. Il presidente della Spal, Joe Tacopina è sempre stato attratto dai grandi campioni, ma ai microfoni di Itasportpress il patron spallino ha mostrato tanto scetticismo in questo tipo di operazioni in Serie B. 

Presidente, il Como ha preso Fabregas e c’è grande entusiasmo. Lei è pronto a portare alla Spal un terzo campione del mondo?

“Assolutamente no. Non faremo operazioni di marketing alla Spal di questo tipo. Faremo acquisti in funzione della squadra e che siano utili al nostro progetto”. 

Bene allora parliamo del mercato della Spal ancora scoppiettante. Siete vicini a Fiamozzi (svincolato dall’Empoli) e Federico Proia (del Vicenza)?

“Il nostro direttore Fabio Lupo sta seguendo le operazioni di mercato da vicino. Non posso dire che siamo vicini ma ci stiamo lavorando per questi due obiettivi. Fiamozzi e Proia ci piacciano molto e credo che anche loro abbiamo intenzione di venire alla Spal”

Presidente, sicuramente Buffon e Fabregas alzano l’attenzione mediatica del torneo cadetto che a livello tecnico è buono. La Serie A è più vicina come qualità visto che ha perso tanti campioni?

“Non saprei, ma penso che sarà una stagione molto emozionante. La Serie B è il campionato più competitivo d’Europa e di questo ne sono sicuro al 100%”.

“Basta guardare cosa è successo nell’ultimo turno di campionato 2021/22. Solo una partita, Parma-Crotone, non contava nulla ai fini della classifica. La Serie B regala grandi emozioni e c’è grande equilibrio”.

Precedente Cosa non si fa per un Milinkovic: le divertenti promesse dei tifosi Juve Successivo CALCIOMERCATO FIORENTINA NEWS/ Anche il Torino su Schuurs, il sostituto di Milenkovic

Lascia un commento