Szczesny sceglie l’ironia: “Giusto il rosso a Milik. Come per Berardi e Malinovskyi…”

Il portiere polacco non si è dimenticato dei due episodi che hanno penalizzato la Juve: “La dinamica è la stessa e sono tutti stati giustamente puniti”

Nessuna polemica ma una precisazione sì, con tutta l’ironia che contraddistingue il personaggio. Tek Szczesny ha parlato dell’espulsione di Milik nell’immediato post gara di Juve-Empoli: “Il fallo di Milik? Non c’è alcun dubbio, nella dinamica è uguale a quello di Berardi e di Malinovskyi, tutti giustamente puniti con il rosso”. Dentro la “bugia”, una presa di posizione netta, che pone l’accento sul mancato provvedimento nelle gare contro Sassuolo e Genoa, pur riconoscendo l’ingenuità del proprio compagno di squadra. Che – dice – “è triste, perché ha commesso un errore che ha condizionato la gara. Però a noi non deve chiedere scusa perché siamo una squadra unita e ognuno può sbagliare. In dieci abbiamo comunque provato a vincerla, anche se non siamo riusciti. Lui deve stare tranquillo”.

episodi

—  

L’estremo difensore della Juventus fa riferimento alla brutta entrata di Berardi su Bremer, nel match d’andata contro il Sassuolo, a Reggio Emilia, e a quello simile di Malinovskyi ai danni di Yildiz sul finale del match contro il Genoa, che fece molto arrabbiare Allegri – poi squalificato, per aver chiesto conto e ragione all’arbitro del mancato provvedimento – immaginando le conseguenze che avrebbe potuto rimediare il talento turco nel caso in cui avesse preso il colpo pieno. Nel ricordare quei brutti falli, Szczesny denuncia la mancata coerenza nella gestione di episodi molto simili: forse il tema più scottante, in questo momento, tra i rimproveri agli arbitri. Allegri, che non è solito parlare di arbitri, qualche settimana fa ha voluto solo ribadire che anche al Var c’è una gestione soggettiva.

Precedente Zirkzee, gol e applausi alla Scala. Pioli: "È fantastico, ha tutto". Il Milan osserva Successivo Roma su Dedic, giovane capitano del Salisburgo: su di lui anche due big di Premier

Lascia un commento