Szczesny, prima dose solo qualche giorno fa. Ecco perché non giocherà contro l’Inter

Wojciech Szczesny non ha ancora il Green Pass e quindi non giocherà in Supercoppa contro l’Inter. Dal 10 gennaio è infatti richiesto il green pass rafforzato anche per gli sport di squadra e il portiere polacco ha iniziato da poco il ciclo vaccinale (ha fatto la prima dose solo qualche giorno fa) e quindi la certificazione verde non gli è ancora arrivata (è valida soltanto dal 15° giorno successivo dalla somministrazione). Insomma: Szczesny non giocherà.

Le parole di Massimiliano Allegri

“Mercoledì Tek arriverà all’ultimo momento, visto che dobbiamo seguire un protocollo ben definito – ha spiegato Massimiliano Allegri in conferenza – Tutti i giocatori sono vaccinati, ma Tek è stato l’ultimo e fino a dopodomani non ha il green pass, per cui arriverà allo stadio all’ultimo momento (negli ultimi due giorni non è potuto stare a contatto con i compagni, ndr) e andrà in panchina”. 

“Devo valutare le condizioni di Dybala – continua –  che ha giocato 86 minuti e non era in programma che stesse in campo così a lungo. Comunque sarà una partita a sé, bella da giocare e in uno stadio meraviglioso. Qualunque sia il risultato non deve intaccare il nostro cammino in campionato. Dovremo fare una partita intelligente, poi bisogna subito switchare e pensare alla Serie A”.

Cosa servirà per battere l’Inter

Secondo il tecnico l’infortunio di Chiesa non cambia i piani di mercato della Juve (“Rimaniamo con questa rosa, poi vediamo l’evolversi del mercato. Giocatori offensivi ne abbiamo”) e per battere l’Inter “ci vorrà una partita tecnica: loro sono anche fisici, bisogna sfruttare gli episodi, difendere bene e attaccare bene. Deve regnare l’equilibrio all’interno della Juventus. In tribuna domenica sono stato molto più sereno, il calcio sembra più rallentato. Landucci si deve preparare perché sarò squalificato anche in Coppa Italia. Ho persino pensato di non andare in panchina manco domani per superstizione”.

Precedente Calcio e Covid, cambia il protocollo: quarantena soft, ci si ferma con 12 positivi in squadra (senza Primavera) Successivo Reina: “Alla Lazio per aiutare Strakosha, poi le cose sono cambiate”

Lascia un commento