Szczesny, è arrivato il super green pass: l’iter per il rientro dopo il vaccino

Il polacco, al ritorno da titolare contro l’Udinese, di nuovo nel gruppo squadra anche al di fuori della partita. L’annuncio di Allegri in conferenza stampa

Giocando a Torino, con difficoltà logistiche evidentemente ridotte rispetto alle trasferte, non era minimamente in discussione che Wojciech Szczesny fosse tra i pali della Juventus contro l’Udinese. Ma a sgomberare il campo dalla road map di un’altra giornata a incastri, con spostamenti personalizzati e separato dai compagni, è stato Massimiliano Allegri che alla vigilia della partita con i friulani ha fatto sapere che il green pass rafforzato è arrivato e che ora sì, il polacco può tornare a fare vita normale insieme al resto del gruppo squadra dopo aver cominciato il percorso vaccinale.

COSì CON L’INTER

—  

Szczesny avrebbe potuto giocare anche in Supercoppa, la scelta di non impiegarlo è stata di carattere tecnico da parte di Allegri, un po’ per turnover come succede a volte nelle competizioni italiane diverse dal campionato, un po’ per i rischi a mandare in campo un giocatore che non aveva svolto l’abituale routine prepartita, com’è per i giocatori senza super green pass: dal 10 gennaio, quando sono entrate in vigore le nuove misure, i giocatori che non hanno il certificato rafforzato possono scendere in campo e fare “vita normale” all’interno dello stadio, dove entra in vigore il protocollo sportivo, ma all’esterno non possono partecipare alle attività col gruppo squadra, dal ritiro al percorso in pullman.

LA PRIMA DOSE

—  

Il green pass rafforzato viene rilasciato 12 giorni la prima dose ed entra in vigore al quindicesimo giorno. “Szczesny rientra: sono passati i 12 giorni anzi 15, quindi è a posto”, ha detto Allegri alla vigilia dell’Udinese, mettendola poi sullo scherzo in riferimento ai tempi necessari per il ritorno delle cose alla normalità. “Al dodicesimo giorno sarebbe arrivato con l’acqua alla gola, se si giocava alla mattina del tredicesimo alle due di notte poteva venire tranquillamente in albergo con noi”. In assenza di comunicazioni della Juve, che si era limitata a far sapere che Szczesny aveva iniziato il percorso vaccinale nei giorni precedenti alla Supercoppa, le frasi di Allegri servono comunque ad andare a ritroso per ricostruire quando è arrivata la prima dose. “La buona notizia è che Szczesny è vaccinato e con lui abbiamo completato tutto il ciclo dei giocatori – aveva detto l’a.d. Arrivabene a margine della Supercoppa -. Per la Juve la parola d’ordine è vaccinarsi”.

Precedente Roma, Oliveira stuzzica con rigori e piazzati: la sua gestione Successivo Verona, Tudor: "Col Sassuolo sfida tra filosofie opposte"

Lascia un commento