Swansea, protesta contro il razzismo: no ai social per una settimana

SWANSEA (Galles) – Lo Swansea City protesta contro il razzismo sui social, e lo fa boicottando i principali canali di comunicazione online: come riferito dal capitano Matt Grimes, la squadra non utilizzerà per una settimana Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, YouTube, TikTok e Snapchat.

Liverpool, Keita e Alexander-Arnold vittime di insulti razzisti

Diakhaby e le accuse di razzismo, la risposta di Juan Cala

Swansea contro il razzismo: boicottati i social network

Il club gallese, che milita nella Championship inglese,  ha scritto ai CEO di Twitter Jack Dorsey e di  Facebook Mark Zuckerberg per chiedere maggiore attenzione e pene più severe per chi utilizza i canali social per pubblicare messaggi razzisti. Tre membri della nostra squadra hanno subito insulti razziali nelle ultime settimane e, come squadra e club, volevamo prendere questa posizione mentre chiediamo nuovamente a coloro che sono in prima linea nelle società di social media di attuare un cambiamento che è necessario ora e in futuro“, ha detto il capitano dello Swansea Matt Grimes. “Trovo sbalorditivo che si parli ancora di razzismo e abusi di questo tipo. Siamo profondamente consapevoli delle pressioni all’interno del molto del calcio a certi livelli, ma non va sottovalutato il modo in cui tali livelli di abusi possono influenzare qualcuno, ha aggiunto il calciatore.

Precedente Diretta/ Dinamo Zagabria Villarreal (Europa League) streaming e tv. Occasione per due Successivo Odoacre Chierico: "Noi, la Roma, siamo stati una famiglia"

Lascia un commento