Svizzera, blitz post gara: Shaqiri “vestito” con giacca dell’Uck, fermato l’invasore

Un uomo ha interrotto l’intervista dell’ex Inter di origini kosovare posandogli sulle spalle un indumento con il simbolo dell’organizzazione dichiarata terroristica dall’Onu nel 1998

Nel post partita di Svizzera-Nord Irlanda (girone dell’Italia, 2-0 per i padroni di casa), un esponente dell’Uck (Esercito di liberazione del Kosovo) ha posato una giacca con il logo dell’organizzazione terroristica sulle spalle di Xherdan Shaqiri: il calciatore del Lione ex Inter, origini kosovare, era impegnato nell’intervista con la Rsi (Radiotelevisione svizzera di lingua italiana): se l’è subito tolta e l’invasore è stato bloccato dalle forze dell’ordine ma il “caso” è montato velocemente visto che è andato in diretta televisiva.

la dinamica

—  

Ancora da definire le dinamiche, ma non è chiaro come una persona con quella giacca sia riuscita ad entrare allo stadio di Ginevra, eludendo i vari controlli. L’Ushtria Çlirimtare e Kosovës (Uck), nome albanese dell’Esercito di liberazione del Kosovo, è stata un’organizzazione paramilitare kosovaro-albanese, inserita nel 1998 nella lista Onu delle organizzazioni terroristiche.

Precedente Dalla Juve alla Juve: Roma, Calafiori torna titolare dove ha esordito (e vinto) Successivo Nadia, una vita in tackle ai talebani: la sua storia diventa un film

Lascia un commento