Supercoppa FS, la Juve vince ai rigori e raggiunge il Milan in finale

Frosinone – È la Juventus la seconda finalista della Supercoppa FS 2021. Le ragazze guidate da Montemurro battono il Sassuolo 5-4 ai calci di rigore e staccano il pass per la finale di Frosinone, l’8 gennaio alle 14.30, contro il Milan, che ha avuto la meglio sulla Roma. La Juventus nei primi minuti di gioco schiera Peyraud-Magnin, Lenzini, Zamanian, Hyyrynen, Nilden, Pedersen, Rosucci, Caruso, Staskova, Girelli e Bonansea. Dall’altra parte Piovani si affida a Lemey, Filangeri, Mihashi, Dongus, Philtjens, Orsi, Dubcova, Parisi, Santoro, Bugeja e Clelland. In avvio c’è subito una ghiotta occasione per Caruso, che però trova una prontissima Lemey autrice di una gran parata. Il gol bianconero è rimandato di poco: all’10’ Staskova si vede ribattere la sua conclusione ravvicinata dall’estremo difensore neroverde ma Nilden arriva in sostegno e sigla il vantaggio. L’1-0 della Vecchia Signora dura pochissimo, perché all’11’ Clelland brucia la difesa avversaria con una gran giocata e con il mancino batte Peyraud-Magnin pareggiando i conti. Ripristinato l’equilibrio, le squadre si affrontano a viso aperto, e quando siamo quasi al 45′ il Sassuolo pasticcia e consegna sui piedi di Girelli l’occasione del 2-1, che però non si concretizza. Nel secondo tempo, al 56′, Parisi tenta il tiro dalla distanza ma non centra la porta. Qualche minuto dopo, dall’altra parte ci prova Girelli, che calcia da fuori area e intimorisce non poco Lemey. Quando siamo quasi al 70′ Staskova riceve in area ma non aggancia: la classe 2000 era davvero a un passo dalla porta neroverde. La formazione di Montemurro – che per il finale si gioca anche la carta Gama, in ripresa dall’infortunio, e bomber Hurtig – continua a macinare gioco, contiene il Sassuolo e al 78′ si rende ancora pericolosa con la svedese. Gli ultimi minuti sono intensi, si giunge fino al 93′ ma per deciderla sono necessari i calci di rigore, dove ha la meglio la Juve che segna con Gama, Girelli, Bonansea e Pedersen.

Precedente Coppa del Re, il Barcellona rischia con il Linares ma passa Successivo Zanetti: "Il Venezia va a Salerno per dare battaglia"

Lascia un commento