Sulle ali di Belotti, tripletta Gallo: il Toro ribalta l’Empoli

Toscani in vantaggio con Zurkowski, poi due falli di mano di Stojanovic (espulso) portano due rigori granata. Non basta, nel finale la terza rete del capitano del Torino. Scavalcato il Sassuolo in classifica. I padroni di casa protestano, la salvezza aritmetica però deve attendere

Dal nostro inviato Mario Pagliara

1 maggio – empoli

Il sorpasso è servito. Il Toro ribalta 3-1 l’Empoli nel proprio stadio e scavalca in classifica il Sassuolo al decimo posto. Ci ha messo il cuore la squadra di Juric, poi il resto lo ha fatto il capitano Belotti firmando una tripletta grazie a due calci di rigore e a un acuto nel finale: per il Gallo sono 100 gol in Serie A con il Toro (113 in tutte le competizioni). Il Toro vince nonostante l’iniziale vantaggio di Zurkowski (nell’occasione è grave l’errore di Berisha), capitalizzando l’uomo in più per oltre mezzora per l’espulsione di Verre. Nel finale rosso anche a Stojanovic per proteste e così la squadra di Andreazzoli ha finito in nove uomini.

Un giallo di troppo

—  

La domenica toscana di Ivan Juric comincia a colazione, quando in ritiro capisce che dovrà rinunciare a Gleison Bremer: ieri il difensore brasiliano aveva partecipato regolarmente alla rifinitura, dopo aver riposato venerdì, facendo sperare di aver ormai smaltito la botta presa mercoledì a Bergamo. Oggi, al risveglio, si è riacutizzato il dolore e Juric, in via precauzionale, non ha avuto scelta: lo ha lasciato in panchina, lanciando al suo posto un attentissimo Buongiorno. A Empoli è la prima volta da titolare di Pellegri, mentre non è nemmeno in panchina Sanabria perché infortunato. Nell’Empoli di Andreazzoli non ci sono particolari novità: l’unica, forse, è Verre schierato sulla trequarti alle spalle della coppia Di Francesco-Pinamonti. Il primo tempo scorre sul binario dell’equilibrio: si fa preferire il Toro nella prima parte, viene fuori l’Empoli sulla distanza. L’unico tiro nello specchio è di Verre (38’), tra le braccia di Berisha. Il Toro ci prova più volte, peccando di precisione: Pobega due volte a fil di palo (12’ e 23’), Brekalo alto (19’). Nel finale sventola improvvisa di Asllani (42’) fuori bersaglio. Alla mezz’ora c’è un cartellino giallo di troppo da parte dell’arbitro Cosso nei confronti di Lukic: per Cosso il serbo avrebbe ostruito Parisi al punto da meritarsi il giallo: il fallo ci può stare, è certamente troppo la sanzione. Lukic era in diffida, salterà Toro-Napoli.

Frittata Berisha

—  

Ad inizio secondo tempo Juric inserisce Ansaldi sulla sinistra al posto di Vojvoda. L’occasione più clamorosa cade nei piedi di Pinamonti dopo otto minuti: Di Francesco è bravo nel servirlo a tu per tu con Berisha, sugli sviluppi di un contropiede, ma il nove di Andreazzoli manca clamorosamente la porta. Il peggio per il Toro sta però per arrivare. Passano tre minuti quando Zurkowski scocca un tiro dalla distanza apparentemente innocuo e centrale. Berisha però non lo controlla e combina la frittata: è l’uno a zero per l’Empoli. Quando si arriva all’ora di gioco, Verre entra durissimo su Pellegri con il piede a martello sulla tibia: in presa diretta l’arbitro Cosso ammonisce, poi va a rivedere l’azione e decide per l’espulsione. Con la superiorità numerica e un gol da recuperare, Juric inserisce Belotti (per Pellegri), Seck (per Singo) e Ricci (per Lukic) e passa al 3-4-3.

Canta il Gallo

—  

Alla mezzora della ripresa, Stojanovic intercetta con le mani una conclusione di Ansaldi. Cosso fischia il rigore, che al 33’ Belotti trasforma: è l’1-1. Il finale è palpitante ed arriva un secondo tiro dal dischetto per i granata: al 40’ un tiro di Ricci viene deviato con le braccia larghe ancora da Stojanovic. L’arbitro Cosso non se ne accorge in diretta, viene richiamato al Var e assegna il secondo rigore che ancora Belotti non sbaglia. Stojanovic protesta in modo talmente veemente da essere espulso e rivolge all’arbitro anche il gesto di voler tirargli un pugno. Al sesto di recupero arriva il tris del Toro con la tripletta di Belotti (assist di Brekalo). Che festeggia i suoi 100 gol in Serie A con il Torino.

Precedente Roma, i campioni del passato all’Italian Guineas Day Successivo Pioli: "Siamo una perfetta catena di montaggio. Il gol di Leao? Una liberazione"

Lascia un commento