Successo Roma in Coppa Italia. Otto giallorosse convocate in azzurro

Roma – Debutto positivo in Coppa Italia per la Roma di Spugna, che vince 5-0 a Tavagnacco e affronta ora la sosta di campionato per via degli impegni della Nazionale italiana con le qualificazioni ai prossimi Mondiali 2023. Cattive notizie, intanto, per Bartoli e Corelli, entrambe trovate positive al Covid-19. Quanto al match in Friuli, nel post gara il tecnico giallorosso, che tra l’altro oggi festeggia il suo compleanno, ha dichiarato: “Sapevamo di trovare una squadra organizzata e quando difendono con tante giocatrici è difficile trovare gli spazi. Siamo stati bravi ad avere la pazienza necessaria per trovare i varchi giusti e nel secondo tempo siamo riusciti a fare anche più gol e questo era importante. Certo, dobbiamo migliorare ancora, ma la partita di oggi è un ulteriore passo in più. Quanto al sistema di gioco, non mi piacere avere un unico modulo, credo nei principi, in più opzioni, mi piace che le giocatrici si muovano anche liberamente in certe zone di campo e soprattutto in zona offensiva. Stiamo lavorando tanto in questo e il fatto di modificare in partita tanti assetti ci può far migliorare”.

La centrocampista Greggi: Voglio dare alla squadra sempre il 100%”

“La vittoria ci serviva tantissimo – ha detto Greggi al termine di Tavagnacco-Roma – Devo dire che queste sono partite difficili perché bisogna avere pazienza e brave a sfruttare le occasioni. In questo momento io personalmente mi sento benissimo fisicamente, mentalmente e voglio sempre dare alla squadra il mio contributo al 100%”. 

L’Italdonne torna in campo. Otto giallorosse per Svizzera e Romania

“Organizzazione, compattezza di squadra e disponibilità al sacrificio di tutte le giocatrici: così si possono ottenere grandi risultati”. Bertolini indica la strada alle azzurre in vista della doppia gara contro Svizzera e Romania nelle ultime due sfide dell’anno (in programma venerdì 26 a Palermo e martedì 30 novembre a Bucarest) che potrebbero rappresentare uno spartiacque nel percorso della Nazionale femminile verso i prossimi Mondiali. Un impegno non semplice, ancora più complicato a causa di una serie di defezioni azzurre: oltre a Cernoia, che ha rimediato una distorsione alla caviglia in Wolfsburg-Juventus, l’Italdonne dovrà fare a meno di Bartoli e Caruso, entrambe risultate positive al Covid. “Sarà una settimana intensa – ha proseguito la ct – in cui mancheranno giocatrici di livello, ma purtroppo non siamo certo avulsi dal contesto in cui viviamo”. Al posto delle tre indisponibili sono state chiamate Pandini e Simonetti dell’Inter, e Cinotti dell’Empoli. L’attuale classifica del Gruppo 2 vede Svizzera e Italia a 12 punti (4 partite disputate); Romania a 6 punti (3 partite disputate); Moldavia (2), Lituania (3) e Croazia (4) a zero punti.

L’elenco completo delle convocate

Portieri: Durante (Inter), Giuliani (Milan), Schroffenegger (Fiorentina);
Difensori:
Bergamaschi (Milan), Boattin (Juventus), Di Guglielmo (Roma), Gama (Juventus), Lenzini (Juventus), Linari (Roma), Salvai (Juventus), Soffia (Roma);
Centrocampiste:
Cinotti (Empoli), Giugliano (Roma), Greggi (Roma), Pandini (Inter), Rosucci (Juventus), Simonetti (Inter);
Attaccanti:
Bonansea (Juventus), Bonfantini (Juventus), Giacinti (Milan), Girelli (Juventus), Glionna (Roma), Pirone (Roma), Serturini (Roma).

Precedente Osimhen rientra a Napoli. Sarà operato nelle prossime ore Successivo Verona, Tudor resta coi piedi per terra: "L'obiettivo è la salvezza"

Lascia un commento