Stop Renate e il Pordenone è capolista, sorrisi per Juve Next Gen, Novara e Pro Sesto

Cambio in vetta nel girone A dopo la 13ª giornata: i neroverdi ottengono la terza vittoria di fila a Piacenza e guidano la classifica in solitaria, in coda successo esterno pesante per il Mantova

La vetta del girone A non è più condivisa: adesso comanda da solo il Pordenone, travolgente a Piacenza (0-3) in una partita sospesa anche per qualche minuto a causa di problemi ai riflettori del Garilli. La luce è invece ben accesa per la squadra di Mimmo Di Carlo, al terzo successo di fila che arriva questa volta con le firme di Bassoli e Dubickas (quarto gol nelle ultime tre partite), a chiudere i conti l’autorete di Masetti. Deve lasciare il primato il Renate, che resta comunque secondo da solo dopo il pari del Nereo Rocco (1-1): a recriminare è però la Triestina che nel primo tempo – oltre a trovare il vantaggio con Paganini – colpisce due legni con Felici e Gori, ma si fa raggiungere nella ripresa da Maistrello appena entrato dalla panchina.

ZONA PLAYOFF

—  

Appaiate al terzo posto ci sono la Feralpisalò – 0-0 senza grandi emozioni col Lecco – e il Novara, che invece coglie un successo pesante nel derby del Ticino: al Piola basta il tuffo di testa del romeno Marginean per l’1-0 sulla Pro Patria. Nel prossimo turno, a Lignano Sabbiadoro, sarà sfida al vertice Pordenone-Novara. Riparte e sorride il Vicenza, nel giorno del debutto in panchina di Francesco Modesto: il 2-1 sul campo della Virtus Verona – che rimane ultima – nasce dalla punizione vincente di Ronaldo dopo 8’, Danti trova il pari immediato ma è Ierardi di testa, nel secondo tempo, a fissare il risultato. Umore opposto invece per il Padova, che cade ancora e non conosce il successo da quattro turni: al Breda la Pro Sesto vince 2-1 (un gol per tempo di Sala e Gerbi) e supera così in classifica la squadra di Caneo, la cui panchina viene però blindata dal d.g. Mirabelli. Prosegue la striscia positiva della Juventus Next Gen, al quinto risultato utile tra campionato e coppa: il derby con la Pro Vercelli (al Moccagatta di Alessandria, ma la prossima in casa i bianconeri la giocheranno all’Allianz Stadium) lo risolvono due dei più esperti, assist di Iocolano per la testata vincente del capitano Poli.

ZONA PLAYOUT

—  

Pari a Zanica tra AlbinoLeffe e Sangiuliano City (1-1): meglio i padroni di casa nel primo tempo con il vantaggio al volo di Zoma, molto bella la risposta di Cogliati che va in gol a metà secondo tempo dopo uno slalom partito poco oltre la metà campo. Con una ripresa propositiva e una rete di testa di Andreoli, la Pergolettese supera il Trento (2-1) ritrovando un successo che mancava da tre giornate: nel primo tempo, Bocalon aveva conquistato e trasformato un rigore per pareggiare il primo vantaggio di Bariti. Vittoria pesante quella del Mantova sul campo dell’Arzignano (1-0): secondo gol stagionale per il ventenne Pierobon (di proprietà del Verona), poi sono due traverse a stoppare i padroni di casa.

Precedente Gasperini-Inzaghi, amici mai: liti, goleade, rossi, il duello infinito Successivo Lecce, Baroni: "Vittoria che dà morale. Dispiace fermarsi adesso per la sosta"

Lascia un commento