Sprint Lo Celso: il Napoli accelera. Ma c’è il nodo formula

DIMARO – Due notizie ufficiali: il primo acquisto del Napoli campione d’Italia è un campione d’Italia. Pierluigi Gollini è tornato: con l’Atalanta è stato rinnovato il prestito oneroso con diritto di riscatto – fissato a 7 milioni di euro – e il portiere ha anche svolto la doppia seduta di ieri insieme con il gruppo. Per la precisione: ha prima svolto le visite mediche e i test con lo staff medico, e poi è partita la sua avventura. Con dedica e tante grazie a chi ha creduto ancora in lui: “Napule mille culure, dal profondo del cuore ti dico grazie per l’amore”, ha scritto sui social. E poi l’hashtag: #togetherAgain. Ancora insieme. La seconda notizia, invece, l’ha data il ds Meluso nel corso della sua presentazione: oggi a Dimaro andrà in scena il primo, vero vertice di mercato con tutta la squadra al completo. Con Adl, Micheli e Mantovani. E si parlerà molto di Giovani Lo Celso, il centrocampista argentino del Tottenham che il Napoli ha individuato per migliorare qualità e soluzioni: gli Spurs vogliono cederlo a titolo definitivo, mentre il club azzurro punta al prestito con diritto di riscatto. Stile Anguissa e Ndombele.

Napoli, l’obiettivo è Lo Celso

E allora, è cominciato ufficialmente il mercato in entrata del Napoli. La prima casella del settore acquisti, facciamo anche nuovi ingaggi considerando che si tratta di un prestito, è stata riempita: Gollini, il vice di Meret. Una vecchia conoscenza, un portiere di talento con esperienza internazionale e velleità da primo che ha guadagnato la fiducia del gruppo nei cinque mesi di prestito da gennaio a giugno. Quelli cruciali, della cavalcata scudetto. Più uno e via. Al lavoro tra la difesa e il centrocampo: in attesa che anche il Bayern consacri l’acquisto di Kim così come Garcia ha ufficializzato la sua cessione, la squadra mercato ha lanciato il primo affondo. Obiettivo, Lo Celso: un centrocampista. Un vecchio pallino, considerando che anche un’estate fa è finito al centro di una trattativa mai concretizzata, e in questa sessione un focus con tanto di chiacchierate, cioè di trattativa con il Tottenham. Che ha deciso di cederlo: il nodo è proprio sulla formula, nel senso che il Napoli vorrebbe il ventisettenne centrocampista di Rosario in prestito con diritto di riscatto. Esattamente come un anno fa ha portato a casa Ndombele dagli Spurs e come due anni fa si assicurò Anguissa dal Fulham.

L’attesa per Tousart

Lo Celso, reduce da una stagione e mezza con il Villarreal e dalla delusione del forfait al Mondiale in Qatar con l’Argentina per un grave infortunio al bicipite femorale della gamba destra, è in attesa. Un po’ come Lucas Tousart, 26 anni, centrocampista francese dell’Hertha Berlino che con Garcia ha già lavorato al Lione. Rudi ha escluso Maxime Lopez tra i profili possibili e invece parlando del suo ex allievo ha avallato l’idea con un: «Forse» . Con L’Hertha è in piedi un discorso che coinvolge Demme: i tedeschi vogliono Diego, a tutti i costi, ma il Napoli ha chiesto 6 milioni per lui. Con la Spal, invece, si parla del futuro, e dunque di Matteo Prati, stellina di 19 anni che il suo club valuta 10 milioni: l’idea è prenderlo e poi girarlo in prestito al Bari. Un po’ quello che, con percorso inverso, sta accadendo per il portiere dell’Under 21, Elia Caprile: diventerà di proprietà del Napoli e poi sarà girato in prestito all’Empoli. Dalla Spagna dicono: il Napoli segue la perla della cantera del Betis, Dani Perez, centrocampista di 19 anni.

Napoli, c’è Kilman per la difesa

Oggi, nel corso del vertice, sarà ovviamente fatto anche un punto della situazione sul difensore, sull’erede di Minjae: il primo obiettivo è Max Kilman del Wolverhampton, 26 anni e una valutazione di 40 milioni di euro (ritenuta eccessiva). Occhi anche su Kostantinos Mavropanos, 25 anni, centrale greco dello Stoccarda.

Napoli, tanto calore per Garcia e Anguissa

Guarda il video

Napoli, tanto calore per Garcia e Anguissa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lukaku torna sui social: il messaggio per la prossima stagione Successivo Napoli, boato per Simeone a Dimaro. E De Laurentiis firma autografi