Spezia, Thiago Motta: “Io ancora arrabbiato, che ingiustizia contro la Lazio”

Il tecnico, di solito molto diplomatico, questa volta non lascia alcuno spazio alle interpretazioni.

Thiago Motta, di solito molto diplomatico, questa volta non lascia alcuno spazio alle interpretazioni. Il tecnico dello Spezia, alla vigilia della sfida contro l’Atalanta, non ha ancora digerito quanto accaduto contro la Lazio. E lo rimarca in conferenza stampa.

ARRABBIATO – Motta è piuttosto esplicito. “Sono ancora molto arrabbiato perché i miei ragazzi hanno subito una ingiustizia. Questo non è un episodio che possa prestarsi a un tipo o a un altro di interpretazione. Non aver segnalato il fuorigioco di Acerbi ci fa perdere punti importanti. Mi inca**o perché la squadra aveva meritato un risultato diverso che ci è stato tolto. Questo mi fa arrabbiare perché lavoriamo e ci impegniamo ogni giorno. Mi spiace che nessuno se ne sia accorto. In ballo ci sono anche i sentimenti dei tifosi. Io non riesco a nascondere il mio. Sono incavolato. Nessuno ha mai sentito utilizzare da parte mia certi termini e spero che non li risenta più. Preciso anche che mi fa piacere allenare dei ragazzi così meravigliosi. Dopo quanto accaduto erano già proiettati all’impegno contro l’Atalanta”

ATALANTA – Al netto delle polemiche, lo Spezia ha bisogno dei punti. Dietro, si corre. “I ragazzi si sono allenati molto bene, la squadra è in forma, hanno spinto al massimo in questa settimana di lavoro. C’è ancora un altro allenamento e poi ci aspetta un’altra partita da affrontare e ci approcceremo con lo stesso spirito di sempre. Nella sfida di andata contro l’Atalanta la squadra ha giocato 20-25′ di altissimo livello portandosi anche in vantaggio. Per il ritorno dovremo esprimerci allo stesso modo per tutti i 90′ di gioco. Sappiamo bene quale sia il nostro obiettivo. Vogliamo i tre punti. Non sarà facile perché l’Atalanta è davvero molto forte e dover giocare sotto pressione rende tutto ancora più complicato. Dovremo correre qualche rischio per eludere il loro pressing ma dobbiamo farlo. Conosco benissimo Gasperini e ne ho grande rispetto, ma in questo momento sono concentrato solo sulla mia squadra”.

Precedente L'Empoli spaventa l'Inter, poi si scatena Lautaro: 4-2 e sorpasso al Milan Successivo Nedved: "L'anno prossimo ci aspettiamo di più dai nostri attaccanti, a partire da Kean"

Lascia un commento