Spalletti scaramantico: ecco cosa ha detto sulla lotta scudetto

Il tecnico del Napoli Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa dopo il successo contro l’Udinese per 3-2 allo Stadio Maradona nella 15° giornata di Serie A Tim.

Calibrando l’intera Serie A sui tre punti a vittoria, questa è la quarta volta che una squadra supera i 40 punti nelle prime 15 partite giocate di un campionato: le altre Juventus 18/19 (43), Juventus 05/06 (42) e Juventus 49/50 (41). Questi risultati sono merito, ampiamente, di Spalletti, che è stato in grado di creare un gioco perfetto dopo le numerose partenze di questa estate.

Spalletti: "Mancano ancora 72 punti". Argentina, Dybala va in Qatar

Guarda il video

Spalletti: “Mancano ancora 72 punti”. Argentina, Dybala va in Qatar

Spalletti non ha dubbi: “Le vittorie sono tutte sofferte”

Il Napoli ha ottenuto 11 vittorie di fila per la prima volta in uno stesso campionato di Serie A. Questo tuttavia non implica che le gare siano semplici per gli azzurri, come ci tiene a sottolineare Spalletti:

“Sono tutte complicate, dato che questi 15 minuti nel finale di questa gara sottolineano bene quanto non sia stato scontato per nulla quello che hanno fatto i giocatori fino ad ora. Desidero dirgli grazie per tutte le vittorie nelle quali  ci hanno fatto gioire, hanno fatto una prima parte di stagione stratosferica. Si sono impegnati tutti, dal mio staff ai magazzinieri ai ragazzi, siamo un gruppo straordinario, dovevo loro questo ringraziamento pubblico”.

Spalletti poi ci tiene ad esaltare quanto fatto dal Napoli fino a questo momento, perdonando anche Kim per l’errore che ha portato alla rete friulana:

“Quando c’è uno stadio che partecipa in questo modo è più semplice trovare l’l’entusiasmo e fare il salto di qualità. Per tre quarti della gara ottimi, poi abbiamo alleggerito un po’ il ritmo dato che la partita sembrava finita ma non è finito mai nulla, sato che gli altri mettono dentro giocatori freschi e sono in grado di trovare il vantaggio se non si rimane alti coi ritmi. Se oggi in una gara come questa di Kim fa notizia un mezzo inciampo che ha avuto, figuriamoci che marziano è stato finora a non sbagliare niente. Le ha giocate tutte, dalla prima all’ultima”.

Spalletti da merito ai ragazzi: “Squadra eccezionale”

Questa è una rosa di giocatori che Spalletti si è un po’ trovato tra le mani dopo il calciomercato estivo, ma con la forza del lavoro e della dedizione ne ha fatto forse la sua squadra migliore in carriera, data anche la possibilità di lavorarci e plasmarla a suo piacimento:

“Per mentalità e disponibilità sono un gruppo eccezionale. Forse sono di un’età in cui è semplice stimolarli, sono già stimolati di loro. I quattro che ho cambiato sono entrati alla grande, gli altri, se li avessi cambiati tutti, avrebbero fatto bene uguale: come partecipavano a livello emotivo allo scorrere dei minuti è stata una roba bellissimastupenda Se accettano di essere i titolari dei 30 minuti anziché dei 60 il mio lavoro è facilitato, naturalmente. Abbiamo dei professionisti molto seri”.

Spalletti: “Scudetto? Ci sono sei concorrenti”

Per lo Scudetto ora il Napoli ha 11 punti di vantaggio su Lazio e Milan, ma non sono solo queste le formazioni che Spalletti teme: “Ce ne sono sei di concorrenti e sono tutte davvero vicine, sono sufficienti due partite, due minuti, due cose per riuscire a crearti disagi, come la partita di oggi. La sintesi del match di stasera ci sarà utile come consiglio per il futuro. Finora non era capitato mai per la bravura dei calciatori, ma noi dobbiamo allontanare questo rischio con un atteggiamento ancora più professionale e convinto”.

Deulofeu piange a dirotto dopo l'infortunio in Napoli-Udinese

Guarda la gallery

Deulofeu piange a dirotto dopo l’infortunio in Napoli-Udinese

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Sassuolo, la delusione di Dionisi: "Mai più così. E' mancato l'atteggiamento" Successivo Sprint Dodo-Ikoné: l’esame più difficile per la Fiorentina

Lascia un commento