Spalletti, Italiano e Mazzarri: questione di… Karma.Sport

MILANO – C’è del… Karma dietro i successi di Spalletti, Italiano, Mazzarri e De Zerbi. Per la precisione c’è anche il lavoro di Karma.Sport, la startup che ha avuto un aumento di capitale di 1 milione e 60 mila euro in pochi mesi, per un capitale complessivo raccolto di 1,5 milioni al termine della prima fase di crescita. Un risultato straordinario per la software e data science house lombarda che applica l’innovazione al mondo della sport industry e che oggi aiuta squadre di Serie A come il Napoli di Spalletti, il Cagliari di Mazzarri e il Sassuolo di Dionisi, e tecnici come Filippo Inzaghi (Brescia), Vincenzo Italiano (Fiorentina) e Roberto De Zerbi (Shakhatar) nell’analisi tecnico-tattica, nella definizione della strategia di gioco e nella campagna di scouting per individuare i campioni del futuro.

STORIAIl progetto è nato nel 2017, quando  tre amici iniziarono a pensare a come unire le proprie competenze alla passione per il calcio e lo sport. I tre fondatori, tutti under 30, sono Carlo Bertelli (CFO), laurea in Fisica, specializzazione in Finanza e master in Public Policy conseguito a Harvard, Davide Ragazzi (CEO), ingegnere informatico, specializzato in Industria 4.0 e Tecnologie web, master in Growth Hacking (marketing finalizzato alla crescita), e Nicola Bosio (CTO), ingegnere informatico, specializzato in sviluppo Software Full-stack. Il 13 giugno 2019 è così nata Kama.Sport, una startup che in meno di tre anni ha costruito un servizio unico nel suo genere, che fa dell’integrazione dei dati e della personalizzazione del servizio il suo core business. In meno di un anno Kama ha moltiplicato di oltre sette volte il proprio valore, passato da 2,5 a 21 milioni di euro, affermandosi come startup rivelazione in Italia nel settore sport-tech. “Abbiamo creduto fin da subito in questo progetto, lo stiamo vedendo crescere giorno dopo giorno – ha dichiarato i fondatori –. Il calcio e lo sport devono ancora scoprire le infinite potenzialità legate all’applicazione delle tecnologie, ed è quello che vogliamo contribuire a fare attraverso le nostre conoscenze scientifiche e la passione per lo sport”.

22 PERSONE – Questi risultati si devono ad un team composto oggi di 22 persone, tra informatici, sviluppatori, matematici, fisici, statistici e designer, che fanno di Kama.Sport un hub innovation per tutte le squadre italiane e non solo. I software e gli algoritmi di Kama.Sport elaborano complesse azioni di gioco, traiettorie di corsa e dei passaggi, parametri fisici dei giocatori, densità nelle aree del campo e nelle fasi di gioco, indicatori fisiologici e medici e tutto quello che può essere utile agli staff tecnici delle squadre per migliorare le performance fisiche e tecniche dei singoli giocatori e per definire le migliori tattiche. L’elaborazione di questi dati, creata su misura delle specifiche esigenze di squadre e tecnici, guida non solo le scelte strategiche per ogni singola partita e rispetto ad ogni fase di gioco, ma consente di rendere più efficienti le sedute di allenamento, personalizzandole in base alle condizioni di ogni giocatore con l’obiettivo di implementarne le skills tecniche.

Precedente Parla Zaki: "Bologna amore mio, tornerò al Dall’Ara. I miei big? Sinisa, Arnautovic e Theate" Successivo Venuti e l'autogol. La fidanzata in difesa: "Una cosa sfigata, ci sono cose ben più gravi"