Spalletti e Mazzarri, veleni e dispetti in salsa toscana

Napoli-Cagliari è anche il duello infiammato tra due “nemici”. Uniti dalla Fiorentina, divisi da indoli e abitudini in scontro frontale. Il contadino e l’operaio, il menefreghista e il sensibile introverso…

Quella volta lo chiamò col diminutivo, Mazzarino. Segnale inequivocabile di chi fa un passo a lato e prende le distanze, simulando una complicità che non c’è. Disse Spalletti: “Ohi Mazzarino, c’hai sempre paura della tua ombra”: così Luciano Spalletti, dopo un Torino-Inter piuttosto teso di tre anni fa, aprile 2018.

Precedente Felipe Anderson, tre anni dopo: di nuovo un derby per ritornare pilastro Successivo Le probabili formazioni di Venezia-Torino: Juric ridisegna l'attacco senza Pjaca

Lascia un commento