Spagna, De La Fuente e gli insulti ricevuti: "Sono calvo e felice così"

Il razzismo nel calcio rappresenta ancora un tasto dolente. Ancora troppo spesso, negli stadi, accadono episodi incresciosi, con cori intollerabili circa colore della pelle o paese d’origine.
Ma le offese possono riguardare anche altro, come l’aspetto fisico. Questo è quanto capitato al commissario tecnico della Spagna, Luis de la Fuente, in occasione della vittoria della Nations League.

De la Fuente e i cori in Nations League

Il ct spagnolo, a Radio Marca, è tornato sui cori ricevuti dopo la vittoria della competizione ai danni della Croazia, con i supporter spagnoli che gli hanno urlato “Pelato!” durante i festeggiamenti al WiZink Center di Madrid: “Mi dà fastidio quando mi mancano di rispetto. La maleducazione è una cosa che non sopporto. Erano 20 energumenti che cantavano. Accade sempre, pochi rovinano la situazione per tanti. C’era una bella atmosfera, stavamo celebrando la vittoria, poi accadono cose così, che vanno denunciate subito. Cosa sarebbe accaduto se, invece di pelato, avessero detto qualcosa sul colore della mia pelle? Sono calvo e sono felice così. Bisogna che le persone vengano educate al rispetto“.

Spagna glaciale dal dischetto: è sua la Nations League 2023!

Guarda la gallery

Spagna glaciale dal dischetto: è sua la Nations League 2023!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Tutti pazzi per Chiesa: offerte da Newcastle a Aston Villa. La Juventus vuole 60 milioni Successivo Roberto "El Pampa" Sosa: "Spero Osimhen rimanga. L'eventuale sostituto? Ve lo dico io"