Sinner al torneo Indian Wells in California (6-17 marzo). Anche negli USA sono pazzi di lui

Tutti pazzi per Sinner. Anche in California, dove mercoledì inizia il torneo di Indian Wells, primo 1000 stagionale per gli uomini e per le donne. Torneo prestigioso: tra gli uomini presenti 49 dei primi 50 della classifica mondiale. Ma la stella è Sinner. Dopo il boom di inizio anno c’è grande attesa per l’azzurro. Tutti d’accordo: è Jannik l’uomo da battere, non perde un match dalla finale delle Finals a Torino contro Djokovic, ha vinto il primo Slam della stagione e il torneo immediatamente successivo a Rotterdam sfatando un tabù che sfiorava il quarto di secolo. Per questo ad accoglierlo al primo Master 1000 è stato addirittura il direttore del torneo Tommy Haas. Il 45enne tedesco, ex n.2 al mondo, si è offerto volentieri come sparring partner d’eccezione per l’altoatesino che proprio nel deserto californiano ha la chance di raggiungere la seconda posizione nel ranking. 

Un torneo stellare

Al via mercoledì 6 marzo. Ci sono 96 giocatori ammessi, le prime 32 teste di serie (Sinner e Musetti tra gli italiani) sono esentate dal primo turno e debutteranno venerdì o sabato. Gli italiani presenti, oltre a Sinner e Musetti, sono direttamente in tabellone: Arnaldi, Sonego, Cobolli e Fognini (Wild Card). Tra le donne: Paolini (testa di serie), Cocciaretto, Bronzetti, Trevisan e Camilla Giorgi.

Gli avversari di Sinner

Sono 3 in particolare: il serbo Djokovic, 36 anni, n.1 ATP che a Indian Wells ha vinto già 5 volte; la prima nel 2008, l’ultima nel 2016. Dietro al Re serbo c’è lo spagnolo Carlos Alcaraz, n.2 del ranking, che in California ha battuto in finale il russo Medvedev. Il terzo ostacolo è rappresentato proprio da Danili Medvedev, 28 anni,n. 4 del ranking; nel 2023 a Indian Wells è giunto in finale e poi è stato sconfitto da Alcaraz. Rublev e’ nel mirino degli arbitri: venerdì 1 marzo durante la semifinale di Dubai contro il Kazako Bublik ha aggredito verbalmente un giudice di linea e poi è stato squalificato. Ma ha vinto il ricorso in appello recuperando così denaro (143.000 euro) e i punti guadagnati (200). 

Montepremi aumentato

Il montepremi è stato aumento del 9% rispetto all’anno scorso sia per gli uomini che per le donne. Il montepremi complessivo è di 8.290.303 euro. Ai vincitori, uomo e donna, andranno 1.014.601 euro. Curiosità: sono 6 i tennisti che sono riusciti nello stesso anno a fare la doppietta immediata Australia-Indian Wells e cioè: Courier, Sampras, Agassi, Federer, Djokovic, Nadal.

Precedente La Juve primavera non restituisce palla al Sassuolo e segna: scoppia la polemica Successivo Come la Juve: penalizzazione cambiata e nuova classifica