Sheriff-Inter 1-3: Inzaghi sorride e insegue Ancelotti

TIRASPOL (MOLDAVIA) – L’Inter batte lo Sheriff 1-3, superato ora in classifica, e tiene la scia del Real Madrid, primo a 9 punti. Inzaghi voleva la vittoria per indirizzare la qualificazione e i gol di Brozovic, Skriniar e Sanchez nel secondo tempo lo accontentano. Successo meritato, frutto di una partita a senso unico, dominata dall’Inter dall’inizio alla fine ma lievemente rovinata dal gol subito nel finale da Traoré. Handanovic e compagni salgono a 7, con lo Sheriff fermo a 6 e lo Shakhtar già eliminato a 1. Ora testa al Milan.

Inter, tris allo Sheriff con Brozovic, Skriniar e Sanchez

Guarda la gallery

Inter, tris allo Sheriff con Brozovic, Skriniar e Sanchez

Lo Sheriff respinge l’Inter

Il primo tempo dell’Inter è pieno di iniziative, tutte però sventate dalla dedizione difensiva dello Sheriff che fa schermo davanti alla porta e ci prova solo di ripartenza, senza peraltro incidere. Vidal è il rubapalloni del centrocampo che innesca le punte, Lautaro e Dzeko, sempre stoppati sul più bello. Il “Toro” viene anticipato a due metri dalla linea di porta quando già pregustava l’1-0 di testa, il bosniaco invece spreca al 34′ una palla-gol enorme: stop di petto con dribbling incorporato in area e destro murato dall’uscita bassa di Athanasiadis. Al 40′ tocca di nuovo all’argentino, il tiro a giro si infrange sul palo e non rompe l’equilibrio.

Classifica girone Inter

Ci pensano Brozovic, Skriniar e Sanchez

È questione di minuti, l’Inter riprende dove aveva finito: attaccando. Inzaghi ad inizio secondo tempo manda dentro Dumfries per Darmian (ammonito), poi al 54′ l’azione manovrata porta Brozovic al limite, finta e destro all’angolino che non lascia scampo. Perisic entra per Dimarco, con la tranquillità del vantaggio acquisito i nerazzurri giocano in scioltezza e al 66′ trovano anche il raddoppio con Skriniar: Athanasiadis salva sul colpo di testa di De Vrij e sul primo tentativo di tap-in dello slovacco, sul secondo però non può nulla. Gara chiusa, Inzaghi pensa al Milan e dà riposo a Dzeko e Lautaro (poi anche a De Vrij, dentro Ranocchia), entrano Correa e Sanchez che fa passare appena una manciata di secondi e poi spara di potenza in rete il 3-0 (82′). Al 92′ Traoré di testa infila Handanovic ma la sostanza non cambia, vince l’Inter.

Precedente Soulé convocato dall'Argentina: il talento della Juve U23 brucia le tappe Successivo Milan, un pari col Porto che serve a poco. Ma non è ancora finita

Lascia un commento