Serie C, Russini non basta al Catania: col Catanzaro finisce 1-1

CATANZARO – Catanzaro-Catania, posticipo della 5ª giornata del Girone C della Serie C, si chiude sull’1-1. Quarto pareggio in serie per i calabresi, mentre il Catania torna a fare punti dopo due sconfitte di fila.

La partita

Partita dai ritmi subito altri: neanche 2’ e il Catania scatta in contropiede con Russini, il cui sinistro termina di poco alto sopra la traversa. Primo tiro in porta per i padroni ci casa al 4’, ma il destro da fuori dell’ex Bambagi non crea nessun problema a Sala. Ancora calabresi pericolosi al minuto 8 sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Bearzotti: sul primo palo sfiora Martinelli che manda fuori tempo Carlini appostato sul secondo palo. Ma al 10’ è Catania a passare in vantaggio: splendida punizione di Russini dal limite che non lascia scampo a Branduani. Al 21’ il Catanzaro risponde su calcio di rigore di Carlini, bravo a spiazzare Sala. Polemiche però sull’assegnazione della massima punizione: il tocco di mano di Calapai sul cross di Porcino sembrava fuori dall’area, ma il signor Di Graci è stato inamovibile. Alla mezz’ora ancora padroni di casa in avanti, con il bel destro di Vazquez da dentro l’area messo in angolo da Sala. Lo stesso numero 9, sugli sviluppi del corner, colpisce bene di testa senza però riuscire ad inquadrare la porta. La seconda frazione si gioca su ritmi decisamente più blandi e la prima nota di cronaca non riguarda occasioni da gol. Al 18’ Carlini colpisce con una ginocchiata al fianco Greco in caduta, costringendo l’avversario ad uscire in barella. Gli animi si scaldano per qualche secondo, ma poi le squadra rientrano nei ranghi. Al 22’ Vazquez ci prova dalla distanza, ma la conclusione non impensierisce Sala. Alla mezz’ora doppia occasione per il Catanzaro: prima è Porcino a provare la conclusione in area dopo un cross dalla destra trovando l’ottima risposta di Sala. Poco dopo stessa conclusione per il tiro di Welbeck dal limite, messo in angolo dal portiere rossazzurro.Ultimo brivido di marca catanese, con l’argentino Izco che ci prova dal limite non trovando per poco la porta di Branduani.

Precedente Dubbio Donnarumma per Pochettino, Guardiola aspetta Messi: "Spero giochi" Successivo De Zerbi: "L’Inter è più forte dell’anno scorso, sono migliorati nella testa"

Lascia un commento