Serie B, Frosinone e Lecce non si fanno male. Spal ko in casa

ROMA – E’ terminato il trecidesimo turno di serie B, con le prime quattro partite che si sono giocate alle 14. Parità tra Frosinone-Lecce (0-0) e Ternana-Cittadella (1-1), colpo dell’Alessandria a Ferrara con la Spal (2-3) , mentre perde ancora il Pordenone che è superato dall’Ascoli tra le mura amiche (0-1).

Frosinone-Lecce 0-0

Al 14′ Lecce a un passo dalla rete: Barreca, dal fondo mette sul primo palo per l’accorrente Gargiulo che tenta il pallonetto e colpisce la traversa. Al 20′ il Frosinone si vede con un cross di Zampano, Canotto controlla, conclusione potente che non trova lo specchio. Al 35′ punizione interessante di Ricci, Garritano manda alto di testa. Nella ripresa, tentativo di Tribuzzi che, smorzato da Barreca, termina facile tra le braccia di Gabriel al 24′. Nei minuti finali il Lecce ci prova con un diagonale di Coda, ma Ravaglia si oppone con una gran parata. Allo Stirpe, risultato ad occhiali (0-0).

Pordenone-Ascoli 

Il Pordenone, al 10′, perde Sabbione per infortunio, entra Barison. Al 31′ l’Ascoli ci prova: Maistro passa filtrante per Sabiri che, da posizione defilata, tenta la conclusione di destro trovando un pronto Perisan. Ancora Ascoli al 39′ con la conclusione di Dionisi neutralizzata da Perisan, sul proseguimento dell’azione la conclusione di D’Orazio, con la deviazione di Iliev, impatta sul palo. Ascoli in vantaggio al 41′, quando Salvi corregge in rete il corner di Maistro. Nella ripresa la prima occasione arriva addirittura al 32′ quando Folorusho del Pordenone con un tiro-cross quasi beffa il portiere ospite, che però devia con la punta delle dita. L’Ascoli risponde subito: Bidaoui riesce a superare il portiere Perisan, ma calcia incredibilmente sul fondo. I marchigiani al minuto 41′ hanno un’altra occasione con Iliev ma l’estremo di casa si fa trovare pronto. Poi nient’altro: i bianconeri si impongono di misura (0-1).

Spal-Alessandria 2-3

L’Alessandria si fa viva per prima al 6′ con Parodi che sugli sviluppi di un corner impegna Seculin. Spal in vantaggio al 21′: Dickmann serve Mancosu che con il sinistro la infila sul secondo palo. Reazione immediata dei grigi che al 23′ pareggiano con Chiarello, servito da Di Gennaro. Gara ad alti ritmi: passano altri 3′ e la Spal va a segno con Dickmann che batte Pisseri dopo uno scambio con Melchiorri. La Spal al 34′ sfiora il tris con Tripaldelli, l’Alessandria trova il pari un minuto dopo con Corazza che insacca in rete una respinta di Seculin su tiro di Mustacchio. Al 38′ il sorpasso: Mustacchio scende a destra, rasoterra in mezzo dove Arrighini corregge in rete, 2-3. Spal pericolosa alla mezzora: Celia ci prova per due volte e nella seconda occasione colpisce il palo, poi Capradossi tenta una conclusione a porta vuota che colpisce a sua volta il palo.  Al 43′ la Spal reclama un rigore per un fallo in area di rigore di Mustacchio, ma per l’arbitro si può proseguire: Viviani protesta e viene espulso. E’ di fatto l’ultima annotazione sul taccuino: l’Alessandria espugna il Mazza ed esulta: 2-3 il finale.

Ternana-Cittadella 1-1

Cittadella pericoloso al 4′: Vita conclude a lato. Ospiti in vantaggio al 23′: da rimessa laterale Antonucci serve Vita, controllo di petto e sinistro basso che si infila in rete, 0-1.  Nella ripresa, ci prova subito il Cittadella con Tavernelli che al 5′ viene anticipato dalla difesa avversaria sul suggerimento di Baldini. Ancora Cittadella al 18′: Baldini serve Antonucci che conclude all’angolino, Iannarilli risponde presente. Pareggio della Ternana al 24′: Defendi, dalla destra, mette in mezzo un buon pallone per Partipilo che, di testa, spiazza Kastrati, 1-1. La Ternana preme alla ricerca del vantaggio e lo sfiora al minuto 31′ con un tap-in di Partipilo, imbeccato da Palumbo, ma il portiere ospite è prodigioso e gli dice di no. Tre minuti più tardi ancora rossoverdi  pericolosi con Palumbo: palla che esce di poco. Nel finale il Cittadella sfiora il colpaccio, ma sia Adorni che Beretta, lisciano la sfera. Termina 1-1, una bellissima partita.

Precedente Barzagli e il primo incontro con Allegri: “Mi pagò il parrucchiere” Successivo Napoli, i convocati di Spalletti per la gara con l'Inter

Lascia un commento