Serie B, Bari a rischio retrocessione: tutte le combinazioni in zona salvezza

Ultima giornata di campionato in Serie B, da vivere tutta d’un fiato a partire dalle ore 20.30. Dieci partite in contemporanea per stabilire i verdetti che chiuderanno definitivamente la regular season 2023/24. Dopo la promozione in A del Parma e le aritmetiche retrocessioni di Lecco e Feralpisalò in Lega Pro, è tempo di concentrarsi sul duello Como-Venezia in chiave secondo posto e sulla battaglia sportiva che caratterizzerà la zona playout, con il Bari di Luigi De Laurentiis attualmente quartultimo. Il tutto, senza dimenticare quanto succede all’interno della griglia playoff, dove restano da definire soltanto le posizioni che vanno dalla sesta all’ottava casella. L’obiettivo, anche per la Sampdoria di Andrea Pirlo, è centrare un sesto posto che garantirebbe il fattore campo nel turno preliminare degli spareggi promozione.

Serie B, zona salvezza: gli incroci in calendario

Tutto ancora aperto in zona salvezza. Stando alla classifica attuale, sarebbe lo Spezia di Luca D’Angelo a festeggiare la permanenza nella categoria, davanti a Ternana e Bari, con l’Ascoli di Massimo Carrera retrocesso in Serie C. Nell’ultima giornata della stagione regolare, i liguri hanno senza dubbio l’impegno più difficile, contro un Venezia ancora in corsa per la promozione diretta, pronto ad approfittare di eventuali passi falsi del Como con il Cosenza. Meno probante, almeno sulla carta, l’incontro che attende le fere, chiamate ad affrontare una Feralpisalò già matematicamente retrocessa in Lega Pro e con 12 indisponibili. Il teatro della sfida sarà il neutro del “Garilli” di Piacenza. I pugliesi, davanti ad un “San Nicola” in aperta contestazione contro la famiglia De Laurentiis, se la vedranno con il Brescia di Rolando Maran, qualificato per i playoff, ma speranzoso di migliorare la propria posizione in griglia. Ad oggi, le rondinelle affronterebbero il Catanzaro in trasferta nel primo match degli spareggi promozione. Infine, occhio ai marchigiani, che sfidano una rivale storica come il Pisa di Alberto Aquilani, che ha ampiamente archiviato la pratica salvezza e non ha nulla da chiedere al suo campionato. Anche sugli spalti, però, sarà partita vera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bufera Marciniak, danno e… beffa dopo Real-Bayern: panico in Germania Successivo 10 italiane in Europa, tutto dipenderà da Atalanta e Fiorentina: i dettagli

Lascia un commento