Serie A, Lazio: dirige Pairetto. Roma a Fabbri, Napoli a Rapuano

ROMA – Designati gli arbitri della sedicesima giornata di ritorno di Serie A. Il turno si apre sabato: alle 15 il Napoli riceve il Sassuolo: dirige Rapuano. Alle 18 derby Sampdoria-Genoa, affidato a Maresca. In serata, alle 20.45, Pairetto dirigerà Spezia-Lazio. Domenica il lunch match tra Juventus e Venezia sarà arbitrato da Prontera. La corsa Scudetto entra nel vivo a partire dalle 15 con Milan-Fiorentina (Valeri) e prosegue alle 18 con Udinese-Inter (Chiffi). Domenica sera Roma in campo contro il Bologna: dirige Fabbri. Lunedì sera il posticipo Atalanta-Salernitana affidato a Guida.

Tutte le designazioni

Cagliari-Verona Sabato 30/04 H. 15
ARBITRO: Orsato
Guardalinee: De Meo-Zingarelli
Quarto Uomo: Giua
Var: Mazzoleni
Avar: Giallatini

Napoli-Sassuolo Sabato 30/04 H. 15
ARBITRO: Rapuano
Guardalinee: Mokhtar-Fiore
Quarto Uomo: Meraviglia
Var: Dionisi
Avar: Longo

Sampdoria-Genoa Sabato 30/04 H. 18
ARBITRO: Maresca
Guardalinee: Paganessi-Colarossi
Quarto Uomo: Ayroldi
Var: Irrati
Avar: Colombo

Spezia-Lazio Sabato 30/04 H. 20.45
ARBITRO: Pairetto
Guardalinee: Perrotti-Affatato
Quarto Uomo: Gariglio
Var: Nasca
Avar: Valeriani

Juventus-Venezia H. 12.30
ARBITRO: Prontera
Guardalinee: Di Iorio-Lombardo
Quarto Uomo: Marcenaro
Var: Mazzoleni
Avar: Di Vuolo

Empoli-Torino H. 15
ARBITRO: Cosso
Guardalinee: Palermo-D’Ascanio
Quarto Uomo: Marchetti
Var: Pezzuto
Avar: Nasca

Milan-Fiorentina H. 15
ARBITRO: Valeri
Guardalinee: Vivenzi-Ranghetti
Quarto Uomo: Marinelli
Var: Irrati
Avar: Zufferli

Udinese-Inter H. 18
ARBITRO: Chiffi
Guardalinee: Tolfo-Pagliardini
Quarto Uomo: Baroni
Var: Banti
Avar: Volpi

Roma-Bologna H. 20.45
ARBITRO: Fabbri
Guardalinee: Raspollini-Di Gioia
Quarto Uomo: Camplone
Var: Piccinini
Avar: Alassio

Atalanta – Salernitana Lunedì 02/05 H. 20.45
ARBITRO: Guida
Guardalinee: Berti-Mastrodonato
Quarto Uomo: Santoro
Var: Di Paolo
Avar: Tegoni

Precedente Mourinho e Tiago Pinto omaggiano l’ex presidente del Leicester. Il club ringrazia Successivo Bravo, potente, temuto (e amato dai suoi campioni): così Mino dal nulla è diventato il re del mercato

Lascia un commento