Scossa Inzaghi: “Lazio, fuori le motivazioni. Con la Fiorentina niente alibi”

Solo un punto nelle ultime due partite di campionato: il tecnico biancoceleste vuole la svolta. Dovrebbe toccare a Escalante la cabina di regia al posto dello squalificato Leiva

Simone Inzaghi suona la carica alla Lazio verso la sfida di domani pomeriggio all’Olimpico contro la Fiorentina. “Voglio vedere grandi motivazioni da parte della squadra perché sarà un match molto importante”, ha detto il tecnico biancoceleste ai microfoni di Lazio Style. Appena un punto, quello ottenuto in casa del Genoa, negli ultimi 180 minuiti di campionato. E una sola vittoria (interna contro il Napoli) conquistata nelle ultime cinque giornate, che hanno portato cinque punti. Così la classifica biancoceleste registra un nono posto già con troppi rimpianti e ansie impreviste per quel distacco dalla zona Champions che si è allungato a sei punti. La Lazio sente la necessità di tornare a vincere per non correre il rischio di ridimensionare con tanto anticipo le proprie ambizioni in campionato. “Nelle ultime tre gare abbiamo offerto buone prestazioni, ma abbiamo sbagliato 15 minuti a Milano ed il secondo tempo di Genova. Questi blackout ci sono costati punti importanti. Ora siamo concentrati sulla Fiorentina. Non voglio alibi per la mia squadra. Ci sono stati errori arbitrali che ci hanno penalizzati nel corso delle ultime partite, ma noi dobbiamo essere più forti delle sviste. Bisogna essere compatti e uniti”.

In campo

—  

In attesa dei riscontri della rifinitura, dovrebbe toccare ad Escalante, in vantaggio su Cataldi, prendere il posto in regia dello squalificato Leiva. Rispetto alla formazione schierata domenica a Marassi, possibili i rientri da titolari di Hoedt in difesa e di Muriqi (ballottaggio con Caicedo) in avanti. “Incontreremo una squadra in salute, i viola sono reduci da un successo per 3-0 contro la Juventus e da un pari contro il Bologna – ha concluso Inzaghi -. La Fiorentina ha una rosa con tanti elementi di qualità. Dovremo fare attenzione interpretando la gara nel miglior modo possibile”. Nicola Berardino

Precedente L'Atalanta saluta Carnesecchi: va in prestito alla Cremonese Successivo Insigne tatuatore per un giorno: ecco com'è andata

Lascia un commento