Sci, l’ex presidente mondiale del biathlon Besseberg condannato a 37 mesi: coprì il doping dei russi per soldi

Scandalo nello sci. L’ex presidente della Federazione mondiale di biathlon, Anders Besseberg è stato condannato da un Tribunale in Norvegia a tre anni e un mese di carcere per grave corruzione. I giudici hanno accolto la tesi dell’accusa, secondo cui Besseberg, che ora ha 78 anni, durante il suo mandato si sia corrotto con orologi di lusso, battute di caccia, prostitute e un’auto a noleggio. Il norvegese è stato giudicato colpevole di nove accuse su dieci.
Besseberg è stato presidente dell’IBU per 25 anni, dal 1993 al 2018. L’accusa si riferisce agli anni dal 2009 al 2018.
Besseberg è stato condannato anche sulla base di un interrogatorio della polizia austriaca. In questo ha ammesso di aver utilizzato servizi sessuali. Successivamente ha ritirato la sua dichiarazione e ha negato di avere a che fare con le prostitute.
All’inizio del 2021, una commissione indipendente di audit esterno aveva già stabilito che l’ex presidente aveva nascosto per decenni il doping nella squadra russa. Il rapporto afferma che è stato “ricompensato con tangenti, battute di caccia e prostitute” dai russi.

Besseberg godeva chiaramente di vantaggi indebiti come capo della Federazione mondiale. Il giudice norvegese ha dichiarato in tribunale: “L’imputato ha mostrato una mancanza di comprensione del ruolo e di conoscenza di sé”.
Numerosi viaggi sono stati pagati da importanti partner dell’associazione. La corte ha anche ritenuto Besseberg colpevole di corruzione perché guidava un’auto noleggiata gratuitamente pagata dai soci.
Quando gli è stato chiesto se avesse capito la sentenza, Besseberg ha detto: “Sono ovviamente deluso e sorpreso dalla sentenza”. E ha subito presentato ricorso.

La notizia della condanna è stata rilanciata dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA) che in un comunicato ha detto di accogliere “con favore il verdetto di colpevolezza emesso da un tribunale norvegese nei confronti dell’ex presidente dell’Unione internazionale di biathlon (IBU), Anders Besseberg, che era sotto processo per accuse di corruzione criminale legate all’accettazione di tangenti e altri incentivi, e favorendo la Russia mentre era a capo dell’IBU. 

“La WADA ha avviato un’indagine sulla questione nel novembre 2016 attraverso il suo dipartimento indipendente di intelligence e investigazioni. Le informazioni raccolte in quella fase hanno dato il primo slancio alle indagini penali e gli investigatori della WADA erano in stretta comunicazione con le forze dell’ordine in Austria e Norvegia, nonché con l’INTERPOL.

“Questo è un altro successo per la WADA I&I e la sua politica di collaborazione con le forze dell’ordine e altre parti interessate che si impegnano per uno sport senza doping. Ciò dimostra ancora una volta che la WADA agirà sempre per fare ciò che è giusto per uno sport pulito. Il verdetto di oggi dovrebbe essere visto come un avvertimento agli altri amministratori che minacciano l’integrità dello sport. La WADA elogia la diligenza delle forze dell’ordine austriache e norvegesi, nonché dei pubblici ministeri che hanno portato il caso in tribunale, nell’utilizzare le informazioni della WADA e nel portarle avanti per la protezione dello sport pulito.

“Come per molte indagini I&I della WADA, questo caso è stato originariamente avviato da informazioni di intelligence fornite da una fonte riservata. La WADA incoraggia chiunque abbia informazioni e desideri contribuire a mantenere l’integrità dello sport, a farsi avanti in completa sicurezza tramite la piattaforma di segnalazione della WADA “Speak Up!””

Precedente Frosinone, Di Francesco: “Rabbia sul finale per la poca lucidità. Salvezza? Ce la giochiamo" Successivo Udinese-Roma diretta: segui la partita di oggi LIVE