Scaroni: “Contento per il sindaco Sala, riparte il progetto stadio. E su Gigio…”

L’intervento a tutto campo del presidente rossonero: “Momento magico grazie alla perfetta unità di intenti di Maldini, Gazidis e Pioli. Se poi Ibra volesse fare il dirigente…”

“Sono contento che Sala sia stato riconfermato sindaco. Così ripartirà a tutta velocità il progetto dello stadio, che è una delle condizioni chiave perché il Milan e tutte le squadre italiane possano riprendere un cammino virtuoso. Senza stadi la Serie A è destinata a scendere anziché salire”. A dirlo a Radio24 è stato il presidente del Milan Paolo Scaroni, che ha anche aggiunto: “Ristrutturare San Siro? Premesso che il progetto che abbiamo presentato prevede la costruzione di un nuovo stadio e che Sala ci ha detto che con le modifiche fatte va bene, non riesco a capire come si possa pensare di fare una ristrutturazione in uno stadio dove si gioca due volte alla settimana. Imporrebbe per lunghi periodi di giocare in un altro stadio che non esiste”.

Gigio e obiettivi

—  

A proposito di San Siro, Scaroni è intervenuto anche sul ritorno al Meazza, stasera con la Nazionale, di Gigio Donnarumma dopo l’addio al Milan: “Donnarumma è un grande portiere e ha dato un grande contributo al Milan, poi ha deciso di cambiare aria uscendo dalla sua comfort zone ed è stata una scelta coraggiosa. Gli auguro il bene e non ho alcuna acredine nei suoi confronti e mi auguro che anche il pubblico di San Siro lo accolga con simpatia”. Anche perché il percorso del Milan non offre spazio a rammarichi: “Scudetto? È vero che bisogna inseguire i sogni e ho registrato con piacere che allenatore e giocatori hanno grandi ambizioni. Ma sono un uomo di business e nel budget di quest’anno abbiamo scritto ‘qualificazione per la Champions League’. Se lo facciamo da primi della Serie A, ancora meglio…”.

Chimica Milan

—  

“Abbiamo una perfetta unità di intenti tra Maldini, Gazidis e Pioli. È tutto un mondo che la pensa allo stesso modo e trasmette segnali positivi alla squadra”, ha detto ancora Scaroni: ”Dalla sconfitta con l’Atalanta (5-0,ndr) tutto il Milan è cambiato, sotto la guida sicura di Pioli sta facendo progressi ogni giorno: trova sempre la soluzione giusta per affrontare la partita, è una persona veramente di qualità. Maldini? Oggi è molto più dirigente di uno-due anni fa, ha intrapreso un percorso di approfondimento e maturazione e oggi è diventato un dirigente molto migliore di quello che era all’inizio ma il suo percorso continua. Un futuro da dirigente per Ibrahimovic? La testa ce l’ha di sicuro, non so se avrà la voglia. Ma se così fosse, avrà tutti i mezzi per farlo”. Chiusura sulla Superlega: “Considero superato il progetto, il Milan lo ha dichiarato, ma restano i problemi che hanno portato a pensare la Superlega. Si deve trovare una soluzione, spero d’intesa con la Uefa, perché non si possono avere i grandi club europei che perdono sistematicamente”.

Precedente Italia-Spagna, dove vedere la semifinale di Nations League in diretta tv e streaming: orario e probabili formazioni Successivo Serie C, il Pescara rinuncia al ricorso

Lascia un commento