Sassuolo-Genoa 1-1, commento al risultato partita

REGGIO EMILIA – L’ottavo gol in campionato di Mattia Destro, realizzato con uno splendido colpo di tacco, non regala a Shevchenko la gioia della prima vittoria in otto gare alla guida del Genoa. Al Mapei Stadium il Grifone, a secco di successi da 17 partite, pareggia 1-1 con il Sassuolo di Dionisi, che nella ripresa sfiora più volte il colpo del ko, senza trovarlo.

Una magia di Destro illude Shevchenko, Berardi salva Dionisi

Guarda la gallery

Una magia di Destro illude Shevchenko, Berardi salva Dionisi

La magia di tacco di Destro

Il Sassuolo, alle prese con tante assenze, tra cui quelle di Frattesi e Scamacca, si presenta in campo con Kyriakopoulos sulla trequarti, insieme con Raspadori e Berardi. Davanti c’è Defrel. Il Genoa, senza Criscito, Maksimovic, Rovella, Sturaro e Behrami, schiera sulla fascia destra l’ultimo arrivato Hefti (svizzero, proveniente dallo Young Boys), mentre in attacco c’è il tandem formato da Ekuban e Destro. Proprio l’ex attaccante della Roma sblocca la gara al 7′, a conclusione di un’azione tambureggiante del Genoa: prima Ekuban sciupa da pochi passi, poi Destro inganna tutti con un magnifico colpo di tacco in diagonale. Shevchenko esulta in panchina: il suo Genoa non rinuncia a giocare e il Sassuolo fatica nella reazione. C’è equilibrio in campo, con poche occasioni sotto porta. Al 44′ il Sassuolo chiede il rigore per un presunto atterramento di Berardi: l’arbitro Manganiello ascolta il Var e dice che è tutto regolare. Si va al riposo con i rossoblù in vantaggio per 1-0.

Berardi pareggia per il Sassuolo

Al 51′ i padroni di casa hanno la grande occasione per pareggiare: Defrel triangola con Kyriakopoulos e poi galoppa solitario verso la porta del Genoa, per concludere contro Sirigu in uscita e sparare la ribattuta sull’esterno della rete. Il gol del Sassuolo arriva davvero al 55′ grazie a Berardi: l’attaccante della nazionale azzurra si avventa su un pallone vagante in area, di sinistro, dopo un tentativo di Raspadori. Dopo il pari, il Sassuolo continua a spingere alla ricerca del gol vittoria: un diagonale di Ferrari finisce a lato, poi ci prova due volte Berardi, trovando la deviazione di Sirigu e poi mancando di poco l’eurogol di sinistro. Nel finale di gara anche Shevchenko si gioca le sue carte, inserendo Pandev e Caicedo, ma il risultato non cambia più: il Genoa non vince il campionato dal 12 settembre, quando si è imposto 3-2 a Cagliari. Resta un po’ di amaro in bocca anche nel Sassuolo, che non riscatta la debacle casalinga con il Bologna (3-0), nell’ultima gara prima dello stop natalizio.

Precedente Lazio, Sarri: “Mercato? So cosa serve. Con le ASL è difficile fare un protocollo” Successivo Tiago Pinto: "Maitland-Niles vicino, non parlo di Sergio Oliveira e altri nomi"

Lascia un commento