Sarri riflette sull’addio al calcio: “Ecco quando smetterò di allenare”

La deadline di Maurizio Sarri: “Fra due o tre anni smetto”. Lo ha annunciato l’allenatore ex Lazio a margine di un evento a pochi passi da casa sua. “Mi occuperò di aiutare il mio territorio e le persone che se lo meritano per quello che hanno fatto negli anni”. Sarri, anni 65, parla così del suo futuro e spiega che potrebbe salutare la panchina molto presto.

Sarri e il retroscena sul Milan e il Napoli

Dopo l’addio alla Lazio e in attesa di una nuova esperienza, il tecnico parla anche del suo passato. Lo fa da Matassino, in Toscana, a margine di un evento politico: “A me ha dato una mano il direttore generale del Milan dicendomi che ero il loro nuovo allenatore. Poi saltò tutto, ma non me ne pento, perchè quel no di Berlusconi mi ha portato a Napoli e quella squadra era più forte. Quel Napoli mi ha consentito di fare sicuramente meglio di quello che avrei fatto al Milan in quel periodo. Sacchi? Arrigo è uno dei pochi che ha cambiato il calcio. C’è un prima Sacchi e un dopo Sacchi nell’ultimo secolo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Osimhen, le novità sull'infortunio a due giorni da Fiorentina-Napoli Successivo Capitan Badelj rinnova per un'altra stagione. Il comunicato del Genoa

Lascia un commento