Sarri, non è vero che non pensava al derby: ecco i suoi tormenti

ROMA – No, stavolta non dirà di aver avvertito più pressione per Sangiovannese-Montevarchi. Perché Sarri, come Mourinho, eviterà la conferenza stampa del sabato e almeno a queste latitudini è un fatto inedito, sconvolgente ma non troppo dentro il calcio “usa e getta”, sempre più televisivo e slegato dalle tradizioni. Aspetti della modernità e dei calendari compressi che non contesterà. Come giovedì notte a Rotterdam, nella pancia dello stadio de Kuip. Giurava di fermarsi solo un minuto a parlare e invece non si sarebbe più alzato dalla sedia. Voleva sfogarsi. Perché gli rodeva troppo l’eliminazione dagli ottavi di Europa League e perché il derby romano gli è entrato dentro come non sospettava. Gli ha sconvolto lo stomaco e fatto perdere freddezza, portandolo verso calcoli che non avrebbe immaginato. Come lasciare fuori Milinkovic con la Salernitana a causa della diffida. Scelta di cui si è pentito. «Già abbiamo fatto una cazzata, lasciamo perdere…» gli era sfuggito mercoledì, alludendo alla squalifica del serbo. Ha finito per perdere Sergej, non solo tre punti, entrando su un piano inclinato nella settimana più delicata della stagione sino alla sosta per il Mondiale in Qatar.

La Lazio protesta sul gol di Gimenez: cosa è successo

Guarda la gallery

La Lazio protesta sul gol di Gimenez: cosa è successo

Catetere

Le licenze poetiche di Mau, sotto forma di vernacoliere, sono direttamente proporzionali al nervosismo oppure al “giramento”, come si dice in Toscana. Rappresentano il segnale della tensione. Se l’era presa con l’Uefa, non con l’Eredivisie (libera di organizzare il campionato olandese) per il vantaggio concesso al Feyenoord, a riposo nel week-end. Non è stata una serata di cortesie dentro la “vasca” bollente di Rotterdam. Sono piovute buste di pipì e persino un catatere per disabili (documentato da video e foto) sulla panchina laziale. Lo sconcio lo ha fatto sbottare dopo una partita in cui anche l’arbitro Peljto, alla lunga, ha tollerato il gioco duro e fisico degli olandesi. In campo europeo succede. Il mezzo fallo su Cancellieri, nell’azione decisiva, può non essere fischiato. La Lazio si è fatta scippare il primo posto dopo aver fallito tre o quattro volte il gol che avrebbe cambiato la serata. Ecco perché al rientro in albergo regnava il silenzio. Si stava facendo largo la consapevolezza, con la retrocessione in Conference, di aver fallito il primo obiettivo stagionale.

Lazio in vetta davanti alla Roma: chi sono i migliori rigoristi italiani

Guarda la gallery

Lazio in vetta davanti alla Roma: chi sono i migliori rigoristi italiani

Full immersion

Il ds Tare ha mosso alcune contestazioni all’interno dello spogliatoio. Sarri, invece, ha allentato la pressione. Un breve discorso, raccomandando di spostare subito il focus sul derby. Non era il caso di instaurare processi. Il risveglio, dopo la notte trascorsa in Olanda, non è stato dolcissimo. La Lazio, dopo due ore di volo e il rientro a Formello, si è allenata in palestra. Poi tutti a casa. Mau ha fissato l’appuntamento per questa mattina, quando scatterà la “full immersion” tattica dedicata alla Roma. Prevista una doppia seduta, mattina e pomeriggio, tra video e pallone. Obbligo di ritiro, per una volta non facoltativo, al centro sportivo. La verità? Mau pensa al derby da mesi. Il tracollo del 20 marzo lo turbò al punto di meditare le dimissioni. Gli ha divorato l’anima e non sarebbe mai voluto arrivarci senza Milinkovic e Immobile. Nel 2003/04, Serie C2, piazzò la doppietta con la Sangiovannese, battendo il Montevarchi (allenato da Ciccio Graziani) anche fuori casa come non succedeva da tempo immemorabile. «Rivalità centenaria. La pressione mediatica a volte non corrisponde al livello. Le sensazioni sono intime e interiori, dipendono da qualcosa che hai nell’anima. Ma anche questo è un derby che ti entra nello stomaco» disse nel settembre 2021. Dopo oltre un anno, non vede l’ora di tirare fuori il rospo.

Roma-Lazio: le migliori quote e i consigli sul derby

Guarda il video

Roma-Lazio: le migliori quote e i consigli sul derby

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Derby Roma-Lazio, mistero Luis Alberto: come sta oggi? Successivo Palladino: "Con il Verona non possiamo sbagliare. Salvezza? La quota è bassa..."

Lascia un commento