Sarri: “Meglio col Bologna. Ecco perché ho sostituito Immobile”

TORINO – La Lazio, nel match valevole per il recupero della 21ª giornata di Serie A, si è imposta in maniera convincente in casa del Torino con il risultato di 2-0 grazie alle reti di Guendouzi e Cataldi nel secondo tempo. Al termine della sfida ai microfoni si è presentato Maurizio Sarri per commentare la prestazione della sua squadra: “Siamo stati sul pezzo nel momento della sofferenza, abbiamo concluso sullo 0-0 un primo tempo sofferto. Sapevamo che quella pressione feroce del Torino sarebbe inevitabilmente calata. Dopo aver realizzato i due gol non abbiamo più sofferto, se non proprio alla fine dopo l’espulsione, è stata buona la gestione dopo. Pressione Torino? L’avevamo messa in conto, ci abbiamo messo qualcosa di nostro. Contro il Bologna abbiamo giocato molto meglio di questa sera. Oggi c’è stata grande capacità di sofferenza e l’aver assorbito una sconfitta immeritata“.

Sarri su Guendouzi, Zaccagni e Cataldi

Poi, su Guendouzi: “A differenza degli altri ha più esperienza di livello nonostante l’età sia ancora abbastanza giovane. Questo gruppo mi dà la sensazione di essere in crescita, in questi tre anni abbiamo dovuto ricominciare sempre come fosse l’anno zero. Ha avuto senz’altro delle difficoltà a inizio stagione, ma dà sensazioni positive. Gruppo predisposto al lavoro, speriamo che l’evoluzione sia positiva e che l’anno prossimo non si riparta da zero“. Sull’assenza di Zaccagni: “È un giocatore che incide nelle partite in maniera importante, numericamente siamo rimasti in pochi, avere delle alternative sarebbe importante. Non manca solo lui. Ieri ha fatto parte di allenamento con il gruppo, per i tempi di recupero vedremo. Hysaj ha un problema al retto femorale, è da valutare. Cataldi? Sono contento perché ha vissuto un periodo difficile. È tornato ai livelli dell’anno scorso. Se lo merita perché non ha mollato. Immobile aveva subito un colpo, era in dubbio se rientrare dopo l’intervallo e ho deciso di sostituirlo dopo il vantaggio per non rischiarlo“. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Diretta Sbk 2024/ Superbike streaming video e tv prove libere FP1 e FP2 GP Australia (oggi 23 febbraio) Successivo Italia a gonfie vele in Europa: unica nazione con 7 squadre su 7 ancora in corsa