Sarri e il 4-3-3 della sua Lazio: ecco come giocherà

ROMA – Il sistema misto, “marco e copro”, appartiene alla tradizione del calcio italiano. Lo applicano Pioli al Milan, Allegri alla Juve, Spalletti al Napoli, Inzaghi all’Inter, anche Conte al Tottenham e Mancini con l’Italia. Un difensore si stacca, rompe la linea arretrata come dicono a Coverciano per “uscire” sull’avversario in possesso di palla e andare a contrastarlo, e gli altri lo coprono. Diagonale classica. Gasperini con l’Atalanta e Juric, il suo figlioccio, con il Torino hanno esasperato il concetto. Non esistono coperture: “marco marco” significa andare a uomo in ogni zona del campo. Dieci duelli individuali senza preoccuparsi dello spazio lasciato libero. I gol presi dall’Atalanta e dal Torino sono quasi tutti uguali, nelle praterie. Sarri, quasi unico in Serie A, usa il sistema sofisticatissimo del “copro-copro”. Delneri, ex tecnico del Chievo dei miracoli, era stato il primo a imporlo, diversi anni fa, nel nostro campionato. Giampaolo, con alterni risultati in carriera, lo ha riproposto alla Samp. Mau aggiunge un altro furore offensivo.

Maximiano, Marcos Antonio e Gila si prendono la Lazio

Guarda la gallery

Maximiano, Marcos Antonio e Gila si prendono la Lazio

Lazio, l’analisi tattica e gli obiettivi

Il concetto principale è la copertura dello spazio. Si guarda la palla come riferimento. In seconda analisi, la distanza dai compagni. In terza e ultima l’avversario. L’obiettivo? Spaccare il meno possibile la linea difensiva, strettissima con i quattro. Se sei messo bene, l’avversario non ha modo di attaccare lo spazio. Mai farsi trovare scoperti. E nessuno esce quando la linea arretrata viene puntata. Si scappa verso il portiere. Atteggiamento conservativo. Ma se l’avversario passa all’indietro, si sale. Reazione istantanea. Il “copro copro” di Sarri è abbinato alla pressione offensiva. Squadra corta, compatta, baricentro alto, difensori con i piedi sulla linea di centrocampo. Mediani e attaccanti, disegnati con il 4-3-3, fanno le diagonali e scalano le posizioni in modo simmetrico. Non c’è una seconda punta “battezzata” come nel calcio spagnolo. In base al movimento di Immobile, attaccando la linea a quattro, la mezzala sale sulla propria verticale per riconquistare palla. Dunque Luis Alberto o Milinkovic. L’esterno prende il suo posto. L’obiettivo? Accorciare le distanze, garantire la copertura. Così il 4-3-3 di Sarri si schiaccia, tendendo al 4-4-2 classico, di memoria sacchiana. Delle analogie con il Milan di Arrigo ci sono. Si forma un blocco unico, la squadra deve muoversi senza smarrire l’ordine tattico. Spazio e tempi decisivi nell’interpretazione. La squadra può essere vulnerabile se l’avversario palleggia veloce e riesce nel cambio-gioco, sulla fascia opposta, con lanci di cinquanta o sessanta metri. Senza palla, la Lazio deve restare “stretta”, non solo “corta”.

Luis Alberto sogna il Siviglia

Guarda il video

Luis Alberto sogna il Siviglia

Lazio, il pressing nel sarrismo

Per giocare così servono dinamismo, ritmo alto, intensità e attenzione costante alla posizione dei compagni. Non è facilissimo. Quando salta la pressione offensiva, si crea un buco in mezzo. La difesa rischia di essere attaccata in campo aperto, come è successo troppe volte nell’amichevole con il Genoa, persa 1-4. Se funziona bene, corri meno e difendi meglio, ricavando vantaggi decisivi in transizione. Uno o due tocchi, verticalizzazione per lanciare Ciro a rete. Non ci sono compromessi. La Lazio del futuro deve imboccare la via del sarrismo.

Vecino: "Sarri mi conosce bene"

Guarda il video

Vecino: “Sarri mi conosce bene”

Precedente Fiorentina, Milenkovic vicino al rinnovo: triennale a oltre 3 milioni Successivo "Juve, c'è il gradimento di Depay: nodi formula e ingaggi"

Lascia un commento