San Siro o Sesto, ma uno stadio per due non basta: così l’Europa è lontana

La scelta di Inter e Milan è diversa dalle altre grandi: la Cattedrale costerebbe 600 milioni, troppi senza i due club insieme

Il budget è quello e quando comanda il portafoglio è difficile cambiare idea. Anche se magari non tutti i tifosi sono contenti. Inter e Milan hanno deciso di costruire uno stadio in comproprietà nel novembre 2018. Niente di anormale, si dirà: giocando insieme da oltre 70 anni dentro San Siro, la soluzione della continuità anche nel futuro sembrava la più normale. Ma siamo sicuri che sia, anche oggi, la più “giusta” per due club che pesano così tanto sul palcoscenico internazionale?

Precedente Ecco il fuorigioco semiautomatico: esordio in Supercoppa, in Serie A dal ritorno. Come funziona Successivo Arbitri, le designazioni per il prossimo turno: Napoli-Juve a Doveri

Lascia un commento