San Siro cambia look: arriva il nuovo manto erboso. Debutto per Milan-Bologna

Il 15% dei fili saranno d’erba artificiale e l’operazione sarà completata mercoledì o giovedì della prossima settimana

 Andrea Ramazzotti

15 gennaio – 21:37 – MILANO

San Siro si rifà il look. Già dopo la fine di Milan-Roma sono iniziati i lavori, proseguiti nella giornata di oggi, che hanno portato alla rimozione del manto erboso. Da domani fino a venerdì saranno posati i nuovi “rotoli” di erba naturale e da sabato inizierà l’operazione più delicata e lunga ovvero l’inserimento dei fili di plastica (l’erba artificiale) grazie ad appositi macchinari. La rizollatura totale è stata decisa dalle due squadre e costerà in tutto 500.000 euro. Complice il rinvio di Inter-Atalanta, gara inizialmente prevista per il prossimo weekend  (è stata spostata per l’impegno della formazione di Inzaghi in Supercoppa), San Siro sarà pronto per Milan-Bologna di sabato 27.  

erba mista

—  

Milan e Inter gestiscono l’impianto attraverso M-I Stadio e hanno deciso di rifare interamente il manto perché la densità dell’erba, soprattutto a centrocampo, era inferiore rispetto agli altri settori. Niente che mettesse a rischio l’incolumità fisica dei calciatori, ma sicuramente la palla scorreva peggio rispetto ad altri impianti. Da  una decina di anni il manto del Meazza è ibrido ovvero composto dal 15% da fili di plastica cuciti nel prato e la percentuale non cambierà. Da sabato a mercoledì-giovedì della prossima settimana saranno inseriti i fili di plastica, mischiati a quelli naturali ed è probabile che i rossoneri, poi, testino il nuovo terreno venerdì 26, alla vigilia del match con i rossoblù. 

COME DUE ANNI FA

—  

La scorsa stagione la rizollatura era stata evitata perché c’erano stati i Mondiali in Qatar e da metà novembre a inizio gennaio San Siro non era stato utilizzato. Nonostante ciò c’era voluta la pausa per le nazionali di marzo per permettere all’erba di tornare su buoni livelli. Due anni fa, invece, era stata necessaria la rizollatura totale. Il tutto a dispetto del manto erboso ibridato, delle lampade utilizzate per rigenerare l’erba e del riscaldamento sotterraneo. Il Meazza è utilizzato sia dai rossoneri sia dai nerazzurri e dunque non ha pause visto che ci sono anche gli impegni infrasettimanali delle coppe europee e della Coppa Italia. E domani a Milano atterrerà l’agronomo di San Siro, Giovanni Castelli: sovrintenderà ai lavori dopo essere stato una settimana a Riad per curare i campi di allenamenti delle quattro squadre impegnate nella Supercoppa Italiana (è anche l’agronomo della Lega).

Precedente Atalanta e Lazio a -1 dal quarto posto. La classifica di A in attesa di Juve-Sassuolo Successivo Lippi: "Allegri? Chi allena la Juve sarà sempre criticato"