Sampdoria, Ranieri: “Vogliamo restare nella parte sinistra della classifica”

GENOVA – Claudio Ranieri ha commentato l’imminente Benevento-Sampdoria al sito ufficiale del club ligure: “Sarà la prima volta che vado in panchina a Benevento. Forse ci ho giocato da ragazzo un’amichevole con la Roma esordisce il tecnico – Mi farà piacere incontrare un’ottima squadra. Sarà una gara veramente tosta, sia per noi che per loro”. La Doria è attesa da un tour de force di ben cinque partite: “Dopo la Juve, dove abbiamo fatto una buona gara anche se non li abbiamo messi in difficoltà come volevamo, abbiamo Benevento, Fiorentina, Lazio, Atalanta e Genoa, una serie molto importante. In queste cinque partite vedremo di che pasta siamo fatti. Vedremo se saremo meritevoli della zona sinistra o riascendiamo dall’altra parte. Sta alla nostra forza, alla nostra abnegazione e alla nostra ambizione stare dalla parte sinistra della classifica”. La partita dell’andata finì con un ko: “Ebbe un sapore amaro perchè ci trovavamo in vantaggio di due gol a zero e loro rimontarono. Dopo quella sconfitta abbiamo fatto una serie di vittorie. Evidentemente ci ha dato la svolta, la rabbia necessaria. Io quello che voglio instillare nei miei giocatori è quella rabbia, quella determinazione continua. In tutte le partite. A prescindere dall’avversario e dal risultato”.

Sia la formazione blucerchiata che quella sannita sono cresciute molto nel girone di andata: “I sanniti sono una sorpresa, gioca un calcio frizzante fatto di verticalizzazioni e dove tutti si aiutano. Conoscono la Serie A e occupano una posizione dove per il momento sono salvi ma sanno che, come noi, ogni passo falso ci può risucchiare in basso”. Il tecnico romano non si sbilancia sulla formazione titolare: “Preferisco poter scegliere fra quelli che sono in forma e che, almeno sulla carta mi danno l’idea che possano mettere in difficoltà la squadra avversaria. Poi nel corso della partita ci sono cinque cambi che ti possono far cambiare il volto di una squadra”. Sulla possibilità che riaprano gli stadi in Primavera: “Sarei proprio l’uomo più felice del mondo. Molto più felice dei tifosi stessi perchè ora è veramente è un altro sport. Lo spero con tutto il cuore”.

Precedente Fonseca: "Roma coraggiosa, ma imprecisa: ci è mancato solo il gol" Successivo Sampdoria, Ranieri: "Il Benevento? Una sorpresa, gioca calcio frizzante"

Lascia un commento