Samp-Genoa: top e flop. Audero super, mentre dietro la lavagna ci va Sensi

La Sampdoria si aggiudica il derby della Lanterna. Tre punti preziosi per i blucerchiati: Caputo e company, vincendo la stracittadina, affossano il Genoa, attualmente penultimo in classifica e con un calendario complicato per centrare la salvezza. Al contrario, con questo successo vitale, gli uomini di Giampaolo aumentano le proprie chance di mantenere la categoria resa in bilico dopo i brutti risultati ottenuti nel recente periodo.

Top

—  

Audero (voto 8 – 14 milioni) e Sabiri (voto 7 – 12 milioni) sono i protagonisti assoluti della vittoria blucerchiata. Il portiere, che già aveva fatto buona guardia su Amiri, respinge l’assalto finale del Genoa ipnotizzando lo specialista Criscito dal dischetto. Prestazione gagliarda per il guardiapali italo-indonesiano che ha vissuto una stagione altalenante rispetto alle sue qualità. Sabiri, invece, ha donato energie fresche – nervose e atletiche – ad un attacco condizionato dal lungo forfait di Gabbiadini e da una carta d’identità non più verde. Il fantasista marocchino – ma naturalizzato tedesco – decide in spaccata il derby con un preciso inserimento e piega i guantoni di Sirigu. In mezzo al campo, infine, da segnalare il dominio incontrastato di Ekdal (voto 7,5 – 10 milioni). Lo svedese, ex Juventus, ci mette esperienza e grinta da vendere in una gara da cuori forti e il confronto con i dirimpettai del Genoa è nettamente a suo favore.

Flop

—  

Per diverse note liete, ci sono – come sempre – anche calciatori che non hanno reso o hanno sofferto l’atmosfera del derby. La delusione più grande è il rendimento opaco di Stefano Sensi (voto 5 – 12 milioni). L’ex Inter, con la sua qualità, dovrebbe fare la differenza rendendo maggiormente pericolosa la manovra blucerchiata. E, invece, il calciatore nativo di Urbino viene facilmente disinnescato dai difensori del Grifone rendendosi innocuo per gran parte della sfida. Infine, vanifica una grande prestazione personale Ferrari (voto 5 – 6 milioni): il centrale è protagonista del fallo che nel finale poteva riscrivere il finale del derby. Per sua fortuna Audero fa il suo dovere e neutralizza il tiro dal dischetto di Criscito, ma la sbavatura rimane: peccato perché per oltre 90 e passa minuti aveva offerto un contributo importante a difesa del vantaggio ottenuto da Sabiri nel primo tempo. Con questo successo, la Sampdoria fa un balzo importante in ottica salvezza: dovrà racimolare pochi altri punti tra Lazio, Fiorentina e Inter (tutte in lotta per i rispettivi obiettivi) per essere completamente al sicuro ed evitare fastidiose code finali.

Precedente Inter, dalla Juve in poi solo primi tempi da scudetto. Bologna, che rimpianto! Successivo Bayern nella bufera per una festa a Ibiza dopo il ko con il Mainz

Lascia un commento