Samardzic, cosa dopo l’Udinese? L’agente e l’ipotesi Juve: “È un top club”

Lazar Samardzic, talento in crescita costante e sempre più vicino all’esplosione. Il classe 2002, nonostante un avvio di campionato non semplice per l’Udinese, era ed è il punto fermo dei friulani. Il bianconero lo avrebbe potuto lasciare la scorsa estate, quando era ad un passo dall’Inter. Poi il caos ormai noto e la permanenza in Friuli: da escludere un ritorno di fiamma con i nerazzurri, chissà che però nei prossimi messi non possa passare dal bianconero dell’Udinese a quello della Juventus. A fare chiarezza sul suo futuro, tra campo e mercato, ci ha pensato Karsten Rickart, agente del calciatore, ai microfoni di SportItalia.

Samardzic pronto per l’Europeo

Prima ancora del mercato, il procuratore di Samardzic ha espresso entusiasmo per la partecipazione del suo assistito al prossimo campionato europeo con la nazionale serba: “L’Europeo rappresenterà una pietra miliare per lui e la sua famiglia, soprattutto perché è ospitato dalla Germania, dove è nato e cresciuto. Un grande torneo è sempre stato il suo sogno, ecco perché ha scelto di giocare per la Serbia. Anche se non ha ancora guadagnato così tanti minuti con la nazionale, si sta già adattando alla squadra, agli schemi ed allo stile di gioco, quindi si spera che ne otterrà di più la prossima estate. Sono sicuro che aiuterà il suo sviluppo come giocatore e come uomo in ogni caso. Sta già trascorrendo molto tempo con giocatori esperti che hanno vinto titoli, ha giocato alcuni tornei di quel tipo. Sicuramente questi compagni lo aiuteranno anche a crescere. Adesso tocca a lui continuare a mettersi in mostra“. Poi è il momento di tracciare il futuro…

Da Bremer a Samardzic: le coppie della Serie A contro la violenza sulle donne

Guarda la gallery

Da Bremer a Samardzic: le coppie della Serie A contro la violenza sulle donne

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lippi a Spalletti: "Spero che la Germania ti porti fortuna come a me nel 2006" Successivo Spalletti risponde agli attacchI: "L'Italia non ha rubato niente"