Salernitana, ritorno al passato: Fazio e Manolas come ai tempi della Roma

Hanno giocato insieme per tre stagioni nella Roma, dal 2016 al 2019. E sabato potrebbero ritrovarsi insieme al centro della difesa della Salernitana nella decisiva gara con il Monza di Palladino. Fazio e Manolas ne hanno vissute tante in maglia giallorossa, prima con Spalletti in panchina, poi con Di Francesco e Ranieri. Il greco, costretto a non giocare al Meazza contro l’Inter per sintomi influenzali, è pronto al debutto all’Arechi nel match che vale una stagione. Il Comandante è fuori da cinque gare per un problema a un polpaccio, ma si sta allenando da giorni con i compagni e dovrebbe giocare dall’inizio. Anche Jerome Boateng da ieri si allena con il gruppo e quindi Liverani potrà scegliere in caso di linea a quattro. Non è da escludere una staffetta proprio tra Fazio e Boateng. Dall’altra parte ci sarà l’ex Milan Djuric e servirà, dunque, una difesa fisica per fermare il gigante di Tuzla. 

Salernitana, la carica di Sabatini 

Fazio e Manolas, due pupilli di Walter Sabatini, avranno certamente ricevuto la carica del dg in settimana anche attraverso il suo più stretto collaboratore, Pietro Bergamini, che ormai è stabilmente a Salerno in questi giorni. Occorrerà una difesa di ferro, ma più complessivamente ci vorrà una Salernitana determinata, tutta un’altra squadra da quella vista all’opera (o meglio, vista e basta) a San Siro contro l’Inter.   

Fazio e Manolas, insieme in Europa 

L’ultima partita giocata insieme da Fazio e Manolas, in quella circostanza in una linea a quattro, risale al 12 maggio 2019 quando all’Olimpico la Roma di Claudio Ranieri superò 2-0 la Juve con reti di Florenzi e Dzeko. I due erano titolari, ma in una difesa a tre completata da Juan Jesus, anche in quella serata del 10 aprile 2018, quando la Roma di Eusebio Di Francesco superò 3-0 il Barcellona in casa, con l’ultimo gol all’82’ proprio di Manolas, e centrò la qualificazione alla semifinale di Champions League contro il Liverpool. Ora ad entrambi si chiede di prendere per mano la Salernitana per alimentare il sogno salvezza. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Ranking Uefa, la Roma punta alla top 5: la spiegazione Successivo Fiorentina, esiste un patto per l’Europa tra Italiano e la squadra