Salernitana, Nicola: “Il pari con l’Atalanta ci sta nei numeri”

BERGAMO – Il tecnico della Salernitana, Davide Nicola, è intervenuto a Dazn dopo la gara con l’Atalanta: “Sono innamorato di questi ragazzi, per voglia e abnegazione che ci mettono e il calcio che propongono. Siamo venuti a giocare contro una grande squadra, le squadre di Gasperini sono toste, devi affrontarle al top – ha dichiarato – Loro ci credevano, lottano per i loro obiettivi e noi per il nostro. Non è semplice per nessuno affrontare Boga, Muriel, Zapata. Nei numeri sostanzialmente il pari giusto, se avessimo fatto il secondo gol… ma va bene così, sono contentissimo e pensiamo a giovedì. In alcune situazioni l’Atalanta è stata abile a metterci in difficoltà. Bisogna essere obiettivi, il pari è giusto nei numeri. Ti fa innervosire di pià prendee gol all’ultimo, ma potevano far prima il pari, così come noi potevamo segnare il secondo. Partita bellissima che ci serve per farci capire che ci siamo, siamo competitivi e che dobbiamo continuare su questa strada. La situazione non cambia, il percorso di due mesi e mezzo è stato di crescita in prestazioni e convinzione. Mi piace il lavoro che fanno quotidianemante, vogliono migliorarsi, hanno emozioni giuste, niente grilli per la testa, solo voglia di esprimere loro stessi. Ogni giocno ci credono di più e mi rendono orgoglioso di allenarli. La prossima? Dobbiamo giocare come stiamo sempre facendo. Ora bisogna recuperare velocemente, Bergamo da stasera non ci interessa più, pensiamo alla prossima. Speriamo che i nostri tifosi ci aiutino, abbiamo bisogno del loro amore per affontare le difficoltà. E sono felice perché la gente ci tiene e si immedesima nei ragazzi”, ha concluso Nicola

Pasalic salva l'Atalanta all'88': 1-1 con la Salernitana, agganciata la Fiorentina

Guarda la gallery

Pasalic salva l’Atalanta all’88’: 1-1 con la Salernitana, agganciata la Fiorentina

Precedente Liga, il Betis di Pezzella frena con il Getafe di Mayoral: Atletico 4° a +3 Successivo Oriana Sabatini e il futuro di Dybala: "Mio padre lo vuole al River..."

Lascia un commento