Salernitana, mossa per la svolta: Kolarov affianca Sabatini

Oggi la ripresa della preparazione dopo la giornata di riposo di ieri. La Salernitana si prepara alla doppia sfida con la Juve (giovedì in Coppa Italia a Torino, domenica a Salerno) considerando ovviamente il diverso peso delle due partite. Pippo Inzaghi conoscerà oggi l’entità degli infortuni muscolari riportati a Verona da Lorenzo Pirola e Grigoris Kastanos. Più serio dovrebbe essere quello di Pirola per il quale si sospetta uno stiramento al flessore della coscia sinistra con conseguente stop di un mese. Pur rispettando l’impegno di Coppa Italia, è chiaro che la Salernitana si concentrerà soprattutto sul campionato. La vittoria di Verona, suffragata da un’ottima prestazione, ha rilanciato i campani, che restano ultimi ma con la zona salvezza a sole due lunghezze.  

Salernitana verso il turn over

Inzaghi ha ormai dato un’identità tattica alla squadra, che anche contro la Juve si schiererà col 4-3-2-1 o 4-2-3-1. Cambieranno, però, gli interpreti tra Coppa e campionato. In Coppa Italia l’allenatore granata potrebbe dare spazio a qualche rincalzo. In difesa si potrebbe rivedere Daniliuc, assente a Verona per febbre, ma c’è pure Lovato. A centrocampo potrebbe esserci l’impiego di Bohinen con Martegani e Legowski. Da considerare che Dia (infortunato), Lassana Coulibaly e Cabral sono stati convocati dalle rispettive Nazionali per l’imminente Coppa d’Africa. In attacco, spazio ad Ikwuemesi. Tra i pali torna a diposizione Fiorillo, che ha scontato un turno di squalifica e che in Coppa Italia potrebbe dare il cambio a Costil. Spera nella convocazione, dopo il lungo stop per l’infortunio alla spalla subito in Nazionale, anche Memo Ochoa, che tuttavia inizialmente andrà in panchina. 

Sabatini chiama Kolarov 

Intanto Walter Sabatini si concentra sul mercato. Ad affiancare il direttore generale potrebbe essere Aleksandar Kolarov. All’ex difensore di Lazio, Roma e Inter, che ha già avuto un’esperienza dirigenziale breve a Pisa, toccherebbe il ruolo di direttore sportivo. Fu proprio Sabatini a portare il serbo in Italia nel 2007. «Kolarov ha la testa sulle spalle» ha detto il dg granata. In uscita Bronn, Sambia, Botheim, Stewart e Martegani, ma potrebbero cambiare casacca anche Cabral e Lovato. Per l’attacco piace Gregoire Defrel (32) del Sassuolo

Sabatini su Mazzocchi: "Napoli interessato? Ci vuole dignità"

Guarda il video

Sabatini su Mazzocchi: “Napoli interessato? Ci vuole dignità”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Napoli, Mazzarri reinventa la squadra: le mosse per la svolta Successivo Da Mantovani a Luperini e Pettinari. L’Ascoli cerca innesti adatti a Castori