Sacchi e il film rossonero di Belgrado: “Arbitri al night, spari e svenimenti, che bolgia!”

L’ex c.t. e tecnico del Milan rivive i turbolenti giorni della sfida del 1988: “Per noi è stato il segno decisivo”

Belgrado nel destino. Arrigo Sacchi, con il suo Milan, ci ha vissuto giorni da batticuore. L’ex allenatore ringrazia ancora lo stellone rossonero che lo ha aiutato nella trionfale Coppa dei Campioni 1988-89, ricorda soprattutto la forza di un gruppo eccezionale che ha dominato il mondo. Però che brividi contro la Stella Rossa il 9 e 10 novembre del 1988, quanti flash.

Precedente Porto-Juventus, le pagelle: che scossa Morata, 6,5. Ronaldo senza idee: 4,5 Successivo Porto-Juve, Pirlo: De Ligt crampi, Morata è svenuto al 90'

Lascia un commento