Rugani via dalla Juve? No, anzi: casa nuova a Torino. E alla ripresa ci sarà bisogno di lui

L’acquisto di un appartamento in centro, dopo i tentativi di furto degli ultimi mesi, rafforza il legame con la città. Mentre il possibile logorio dei brasiliani al Mondiale potrebbe riaprirgli spazi in campo

Daniele Rugani non sembra intenzionato a voler lasciare la Juventus a gennaio. Anzi, stando a quanto filtra dagli ambienti immobiliari torinesi, il 28enne centrale toscano è pronto a legarsi ancora di più alla città della Mole e alla Juventus. È dato in dirittura d’arrivo, infatti, un importante investimento da circa 2 milioni di euro. Rugani è ai dettagli per un esclusivo appartamento in centro, nel quale andrà ad abitare assieme alla compagna Michela Persico e al piccolo Tommaso.

DOPO LA PAURA

—  

Una mossa, quella del difensore della Juventus, conseguenza dei tentativi di furto subiti negli ultimi mesi e denunciati pubblicamente dalla compagna Michela Persico: “Tre settimane fa la prima notte di paura – ha raccontato la conduttrice nei giorni scorsi -. Poi un nuovo caso la notte di Verona-Juventus. Adesso non ce la facciamo più a stare lì e stiamo cercando una casa nuova. A breve sapremo se il cambiamento andrà in porto subito. Qui non ci sentiamo più a nostro agio dopo questi due spiacevoli episodi. Brutte esperienze che, però, non ci fanno cambiare idea su Torino. Siamo innamorati di questa città e tanto Daniele quanto io speriamo di rimanerci a vivere il più a lungo possibile”. La nuova abitazione, la seconda sotto la Mole, rafforzerà così il legame di Rugani con Torino. Il rapporto con la Juventus, invece, è fotografato dai numeri (122 presenze in bianconero) e dall’attuale contratto (scadenza 2024).

RIPARTENZA

—  

Il centrale bianconero, terminate le vacanze, sarà alla Continassa il 6 dicembre per la ripresa degli allenamenti in vista della ripartenza del campionato nel 2023. La Juventus il 4 gennaio sarà impegnata a Cremona, il 7 ospiterà l’Udinese e il 13 è in programma il big match in casa del Napoli. Un trittico nel quale Rugani, come anche Gatti e Bonucci, sarà prezioso per Allegri visto che mezzo reparto (Danilo, Bremer e Alex Sandro) è attualmente impegnato al Mondiale. E se il Brasile dovesse arrivare in fondo, il trio verdeoro a inizio gennaio andrebbe gestito con cautela.

Precedente Le aperture portoghesi - Leggenda CR7: è il primo nella storia a segnare in 5 Mondiali Successivo Tutto su Galindez, il portiere dell'Ecuador che fermò il suo vicino di casa... Messi

Lascia un commento